Skip to content

Milindapañha

Il Milindapañha (Le domande del re Milinda) riporta un dialogo fra un monaco buddhista chiamato Nagasena e un re indo-greco di nome Milinda vissuto nel II secolo a.C.

 

 Indice dei libri


Milindapañha: Libro VII – Le similitudini, cap. II

11. La zucca 1. “Venerabile Nagasena, quella qualità della zucca di cui dite che bisogna avere, qual è?” “Proprio come, o re, la zucca, arrampicandosi con i suoi viticci su qualche altra pianta – un’erba, o un cespuglio spinoso, o una pianta rampicante – cresce su di essa; allo stesso modo, o re, lo strenuo […]

Milindapañha: Libro VII – Le similitudini, cap. I

1. “Venerabile Nagasena, di quante qualità deve essere dotato un membro dell’Ordine (un monaco) per realizzare lo stato di Arahat?” “Il monaco, o re, che desidera raggiungere lo stato di Arahat deve avere: 1. Una qualità dell’asino 2. e cinque del gallo 3. ed una dello scoiattolo 4. ed una della femmina di pantera 5. […]

Milindapañha: Libro VI – I Dutanga

1. Il re vide i monaci nella foresta, solitari E lontani dagli uomini, rispettare i duri voti. E poi vide anche i capifamiglia, nelle loro case, mangiare i dolci frutti del Nobile Sentiero. Riflettendo su di loro, ebbe un profondo dubbio. “Se anche i laici realizzano il Dhamma Allora i duri voti sicuramente risultano vani. […]

Milindapañha: Libro V – Il dilemma della deduzione

(sunto) Il re Milinda si avvicinò al Venerabile Nagasena, lo salutò e si sedette. Il re Milinda, ansioso di conoscere, di ascoltare, di ricordare, di vedere la luce della conoscenza, di colmare il vuoto della conoscenza, di trovare la luce della conoscenza, di cacciare le tenebre dell’ignoranza, risvegliò l’estrema tenacia, lo zelo, la consapevolezza e […]

Milindapañha: Libro IV – Capitolo VIII

Il dono di Vessantara (Dilemma 71) 1. “Venerabile Nagasena, tutti i Bodhisattva hanno abbandonato le loro mogli ed i loro bambini, o lo ha fatto solo il re Vessantara?” “Tutti, non solo Vessantara.” “Allora li hanno abbandonati con il loro consenso?” “La moglie, o re, era consapevole. Ma i bambini, a causa della loro tenera […]