Skip to content

Parole: anguttara

AN 3.1: Bhaya Sutta – Pericoli

Così ho sentito. Un tempo il Buddha soggiornava presso Savatthi nel Boschetto di Jeta, al monastero di Anāthapindika. Lì il Buddha si rivolse ai monaci: “Monaci!” “Sì, venerabile signore.” – i monaci risposero. Il Buddha così disse: “Ogni pericolo arriva dagli stolti e non dai saggi. Ogni minaccia arriva dagli stolti e non dai saggi. […]

AN 2.280–309: Vinaya Peyyāla Vagga – Sulla pratica

280. “Per due ragioni il Tathagata ha stabilito delle regole per i suoi discepoli. Quali due? Per il benessere e la felicità del Sangha … Per tenere sotto controllo le persone difficili e per il benessere dei monaci compassionevoli … Per abbandonare gli influssi impuri che affliggono la vita presente e per proteggersi dagli influssi […]

AN 2.230–279: Akusala Peyyāla Vagga – Realtà dannose e non

230–279. “Queste due realtà sono nocive … sono positive … sono biasimevoli … sono irreprensibili … hanno la sofferenza come risultato … hanno la felicità come risultato … effetti nella sofferenza … effetti nella felicità … sono dannose … non sono dannose. Quali due? Essere liberi da rabbia e ostilità … da invidia e avarizia […]