Skip to content

Theragatha 1.51-60: Chattha Vagga

Thera 1.51: Godhikattheragāthā – Godhika

Pioggia dal cielo, come una bella canzone.
La mia piccola capanna è coperta e piacevole, al riparo dal vento.
La mia mente è serena:
così pioggia, cielo, venite.

Thera 1.52: Subāhuttheragāthā – Subāhu

Pioggia dal cielo, come una bella canzone.
La mia piccola capanna è coperta e piacevole, al riparo dal vento.
La mia mente contempla sul corpo:
così pioggia, cielo, venite.

Thera 1.53: Valliyattheragāthā – Valliya (1)

Pioggia dal cielo, come una bella canzone.
La mia piccola capanna è coperta e piacevole, al riparo dal vento.
Medito, diligente:
così pioggia, cielo, venite.

Thera 1.54: Uttiyattheragāthā – Uttiya (2)

Pioggia dal cielo, come una bella canzone.
La mia piccola capanna è coperta e piacevole, al riparo dal vento.
Dimoro in solitudine:
così pioggia, cielo, venite.

Thera 1.55: Añjanavaniyattheragāthā – Añjanavaniya

Sono immerso nella foresta di Añjana
in una piccola capanna vivo.
Ho raggiunto le tre conoscenze
e compiuto il Dhamma del Buddha.

Thera 1.56: Kutiviharin (1)

Chi è nella capanna?
Un monaco è nella capanna —
libero da desiderio,
con la mente ben concentrata.
Sappi questo, amico mio:
la capanna non è stata da te costruita
invano.

Thera 1.57: Kutiviharin (2)

Questa era la tua vecchia capanna,
e ne vuoi un’altra,
una nuova.
Elimina questo desiderio, monaco.
Una nuova capanna
ti porterà nuovi dispiaceri.

Thera 1.58: Ramaṇīyakuṭikattheragāthā – Ramaṇīyakuṭika

La mia piccola capanna è piacevole, deliziosa,
un dono di fede.
Non ho bisogno di ragazze:
via, ragazze, di voi non ho bisogno!

Thera 1.59: Kosalavihārittheragāthā – Kosalavihārin

Ho intrapreso la vita ascetica per fede
e ho costruito una piccola capanna nella foresta.
Sono vigile, ardente,
consapevole e mentalmente presente.

Thera 1.60: Sīvalittheragāthā – Sīvali

Il mio desiderio: il fine che avevo
per vivere in questa capanna — si è avverato.
Abbandonando la tendenza alla vanità,
realizzerò la conoscenza e la liberazione.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato e Jessica Walton. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.