Skip to content

Theragata 1.61-70: Sattama Vagga

Thera 1.61: Vappa  

Colui che vede
vede chi vede,
vede chi non vede.
Colui che non vede
non vede
chi vede
o chi non vede.

Thera 1.62: Vajjiputtattheragāthā – Vajjiputta (1)

Dimoriamo da soli nella foresta,
come tronchi abbattuti in un bosco.
Molte persone sono di me gelose,
come gli esseri infernali gli esseri celesti.

Thera 1.63: Pakkhattheragāthā – Pakkha

Cadono, collassano e cadono;
avidi, ritornano.
L’opera è compiuta, la gioia goduta,
la felicità si trova con la felicità.

Thera 1.64: Vimalakoṇḍaññattheragāthā – Vimalakoṇḍañña

Sono nato da colei che porta il nome di un albero;
Sono nato da colei col brillante vessillo.
Il vessillo ha distrutto il grande vessillo,
con lo stesso vessillo.

Thera 1.65: Ukkhepakatavacchattheragāthā – Ukkhepakatavaccha

Vaccha ha gettato via
ciò che aveva costruito in molti anni.
Seduto comodamente, colmo di gioia,
insegna il Dhamma ai capifamiglia.

Thera 1.66: Meghiyattheragāthā – Meghiya

Mi ha consigliato, il grande eroe,
colui che è andato oltre ogni realtà.
Quando ho sentito il suo insegnamento
sono stato vicino a lui, attento.
Ho raggiunto le tre conoscenze
e adempiuto il Dhamma del Buddha.

Thera 1.67: Ekadhammasavanīyattheragāthā – Ekadhammasavanīya

I miei influssi impuri sono stati distrutti con i jhana —
la rinascita in tutti gli stati di esistenza è sradicata,
la trasmigrazione attraverso le nascite è terminata,
ora non ci sono più vite future.

Thera 1.68: Ekuddaniya  

Eccelso nella concentrazione e nella presenza mentale:
Un saggio si esercita in saggezza.
Non ha più dolore, colui che è Equanime,
c almo e sempre presente mentalmente.

Thera 1.69: Channattheragāthā – Channa

Sentire il dolce Dhamma insegnato dal maestro
di comprensione universale e conoscenza superiore,
sono entrato nel sentiero per realizzare l’immortale —
saggio verso la vita santa.

Thera 1.70: Puṇṇattheragāthā – Punna (2)

La condotta morale è la migliore in questa vita,
ma chi possiede la saggezza è supremo.
Chi possiede sia la virtù sia la saggezza
è vittorioso tra uomini e deva. 

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato e Jessica Walton. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.