Skip to content

Perché sono vegetariano

“Basta un secondo per decidere di smettere. La ragione principale per non mangiare carne e pesce è quella di risparmiare la vita degli altri. Questa non è una prospettiva estrema. È un punto di vista molto ragionevole e compassionevole”. — Matthieu Ricard

Il mio primo insegnante buddhista, Kangyur Rinpoche, era un vegetariano molto severo. Sono stato ispirato da lui e anche da un profondo ragionamento interiore che mi è diventato improvvisamente evidente. Non ho mai cacciato in vita mia, ma sono andato a pescare qualche volta quando ero piccolo in Bretagna. Quando avevo 13 anni, un pensiero è sbocciato nella mia mente: “Come posso fare una cosa del genere?”. Mi sono reso conto che evitavo totalmente di mettermi al posto dell’altro essere. E a 20 anni ho smesso di mangiare carne. Questo accadeva 50 anni fa.

Il cuore del sentiero buddhista è la compassione. Questo significa dare valore agli altri. Se dai valore agli altri, dai valore al loro benessere e ti preoccupi della loro sofferenza.
Possiamo trovare i mezzi per sopravvivere senza causare sofferenza agli altri. In India, per esempio, ci sono più di 400 milioni di persone vegetariane che sopravvivono bene. Non stanno sacrificando la loro salute o riducendo la loro durata di vita. Infatti, anche da un punto di vista egoistico, è meglio essere vegetariani. Molti studi hanno dimostrato che la carne rossa aumenta l’incidenza del cancro al colon e di altre malattie.

Tuttavia, la ragione principale per smettere di mangiare animali è quella di risparmiare la vita degli altri. Oggi, 150 miliardi di animali terrestri e 1,5 miliardi di animali marini vengono uccisi per il nostro consumo. Li trattiamo come ratti, parassiti e scarafaggi da eliminare. Questo si chiamerebbe genocidio o disumanizzazione se fossero esseri umani.

Con gli animali facciamo addirittura un passo avanti: li strumentalizziamo. Diventano oggetti. Diventano l’industria dei maiali, salsicce o fabbriche di carne. Eticamente non si può immaginare di progredire verso una società più altruista o più compassionevole comportandosi così. Mangiare carne rivela un altro livello di egoismo nei confronti del prossimo. I paesi ricchi consumano più carne: circa 200 chili all’anno per abitante negli Stati Uniti, contro circa 3 chili in India. Più cresce il PIL di un paese, più aumenta il consumo di carne.

Per produrre un chilo di carne, occorrono dieci chili di proteine vegetali. Questo ha un costo per la parte più povera dell’umanità. Con due acri di terra, si possono nutrire cinquanta vegetariani o due mangiatori di carne. I 775 milioni di tonnellate di soia e di mais che sono usati per l’agricoltura industriale potrebbero essere usati per nutrire le persone bisognose.

Il Comitato internazionale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, un gruppo che non è particolarmente fanatico dell’essere vegetariano, raccomanda di cominciare semplicemente a mangiare meno carne. Questo è uno dei modi più semplici per ridurre il riscaldamento globale e potrebbe fare un’enorme differenza per quanto riguarda il processo del cambiamento climatico. La ragione principale è che l’allevamento industriale causa la produzione di metano. Il metano è dieci volte più attivo nel causare il riscaldamento globale rispetto al CO2. È il secondo fattore principale del riscaldamento globale prima dei trasporti!

Ci vuole solo un secondo per decidere di fermarsi. Non crea nessun enorme cambiamento caotico nella nostra vita. È solo che mangiamo qualcos’altro. È così semplice. Un piccolo sforzo può portare un risultato molto grande per gli animali, per gli indigenti, per il pianeta, per la nostra stessa salute. Una mente ragionevole può vedere che questa non è una prospettiva estrema. È un punto di vista molto ragionevole, etico e compassionevole.

(Estratto da A Plea for the Animals di Matthieu Ricard (Shambhala Publications, 2016)
Photos: ©MatthieuRicard; ©Daderot; ©Snowmanradio; ©MatthieuRicard