Skip to content

Il karma è individuale

Una delle maggiori realizzazioni del Buddha fu quella di stabilire una religione non tribale. I suoi insegnamenti erano per tutti, senza distinzione di tribù, casta o nazionalità, che volevano porre fine alla sofferenza. Dal suo tempo, questi insegnamenti sono riusciti a diffondersi in tutto il mondo, trascendendo i confini e le divisioni, perché trattano le persone come individui responsabili, piuttosto che raggrupparle. Ci raccomandano di valutare noi stessi in base alle nostre azioni attuali, piuttosto che in base alle azioni degli altri membri del gruppo in cui siamo attualmente rinati.

Possiamo essere interconnessi, ma non attraverso ciò che siamo o attraverso le categorie che altre persone userebbero per definirci. È attraverso ciò che noi, come individui, scegliamo di fare gli uni agli altri. Secondo il Buddha, siamo “legati al karma”, legati attraverso il karma, nel bene e nel male.

È così che ci troviamo a nascere in particolari gruppi di persone. Non è il caso che prima si nasce in un gruppo e poi, dopo essersi uniti a quel gruppo, si assume il karma dei suoi precedenti membri. Lo schema causale in realtà va nell’altro senso: Per prima cosa, attraverso le tue intenzioni individuali, sviluppi un profilo karmico. Poi si nasce con persone che hanno profili simili nel loro passato individuale.

Quindi, se un particolare gruppo – una famiglia, una nazione – soffre delle difficoltà, non è perché i membri defunti di quel gruppo hanno creato un karma negativo. È perché gli individui che attualmente fanno parte del gruppo hanno un karma negativo simile nel loro passato. Tuttavia, anche in questo caso, il loro karma è individuale, come dimostra il fatto che le avversità sofferte da un gruppo sono raramente distribuite in modo uniforme. Alcune persone soffrono molto, altre sono appena sfiorate.

E ricordate: Le persone non rinascono sempre nella stessa famiglia, gruppo etnico, nazione, genere o persino specie. A volte si passa da una classe di oppressori a una classe di oppressi, e a volte viceversa. L’immagine del Buddha è quella di un bastone lanciato in aria: A volte atterra sulla sua base, a volte sulla sua punta, a volte nel mezzo. Siamo personaggi scivolosi, che cambiano continuamente ruolo.

Ecco perché la risposta corretta quando gruppi di persone soffrono non è quella di dirsi insensibilmente che se lo meritano. Dopo tutto, il Buddha ha insegnato un percorso per la fine di tutte le sofferenze, “meritate” o no. Come ha detto lui, quando vedete persone che soffrono, non guardatele dall’alto in basso. Ricordate a voi stessi che, nel lungo corso della rinascita, ci siete stati anche voi. Quando vedete persone che si godono i piaceri della ricchezza, non risentitevi con loro. Ci siete passati anche voi. Avete visto come la ricchezza può andare e venire.
Lo scopo ultimo di questa riflessione è quello di accendere il desiderio di uscire del tutto dalla rete karmica. La reazione provvisoria, però, dovrebbe essere l’empatia: siamo stati tutti insieme in questa situazione per troppo tempo. È ora che ci aiutiamo l’un l’altro, invece di approfittare delle persone quando sono in difficoltà.

L’immagine del Buddha del karma di ogni persona è quella dei semi seminati in un campo: alcuni semi stanno germogliando proprio ora; altri aspettano di germogliare. Quando vedete le sofferenze degli altri, vedete solo i loro semi che stanno germogliando in questo momento. I semi buoni che aspettano di germogliare non li vedete. Allo stesso tempo, non sapete quali semi negativi sono in attesa nel vostro campo.

Tuttavia, i semi più importanti nel vostro campo sono quelli che state piantando in questo momento, perché possono determinare se soffrirete dei vostri vecchi semi o meno.
Quindi cercate i buoni vecchi semi nei campi degli altri che potrebbero essere pronti a germogliare, e cercate di convincerli a piantare buoni nuovi semi in modo che non debbano soffrire a causa dei cattivi semi già germogliati. Dopo tutto, è così che vorreste che vi trattassero quando i vostri semi negativi inizieranno a maturare. Agendo in questo modo, create un buon karma per voi stessi, e un mondo più umano tutto intorno.

(Thanissaro Bhikkhu)