Skip to content

AN 8.82: Puṇṇiya Sutta – Puṇṇiya

Il venerabile Puṇṇiya si avvicinò al Buddha, si inchinò, si sedette a lato e disse:
“Signore, qual è la causa, qual è il motivo per cui a volte il Tathagata si sente ispirato a insegnare e altre volte no?”

“Puṇṇiya, quando un monaco ha fede ma non pratica, il Tathagata non si sente ispirato a insegnare. Ma quando un monaco ha fede e pratica, il Tathagata si sente ispirato a insegnare. Quando un monaco ha fede e pratica, ma non rende omaggio … rende omaggio, ma non fa domande… fa domande, ma non ascolta… ascolta, ma non memorizza il Dhamma che ha ascoltato… memorizza il Dhamma che ha ascoltato, ma non riflette sul significato del Dhamma che ha memorizzato… riflette sul significato del Dhamma che ha memorizzato, ma, avendo compreso il significato e il Dhamma, non pratica di conseguenza, il Tathagata non si sente ispirato a insegnare.
Invece quando un monaco ha fede, pratica, rende omaggio, fa domande, ascolta, memorizza il Dhamma, riflette sul loro significato e pratica di conseguenza, il Tathagata si sente ispirato a insegnare. Quando si possiedono queste otto qualità, il Tathagata si sente totalmente ispirato a insegnare.”

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato, 2018. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.