Skip to content

AN 8.83: Mūlaka Sutta – Radice

“Monaci, se gli asceti erranti che seguono altri sentieri vi chiedessero: ‘Venerabili, tutte le realtà hanno una radice? Cosa le produce? Qual è la loro origine? Qual è il loro punto d’incontro? Qual è la loro guida? Qual è il loro sovrano? Qual è il loro custode? Qual è il loro nucleo? Come rispondereste a queste domande?”

“I nostri insegnamenti sono radicati nel Buddha. Egli è la nostra guida e il nostro rifugio. Che il Buddha stesso chiarisca il significato di quanto detto. I monaci lo ascolteranno e lo ricorderanno.”

“Bene, allora, monaci, lo insegnerò. Ascoltate e prestate molta attenzione, io vado a parlare.”

“Sì, signore.”, essi risposero.

Il Buddha così disse:
“Monaci, se gli asceti erranti che seguono altri sentieri vi chiedessero: ‘Venerabili, tutte le realtà hanno una radice? Cosa le produce? Qual è la loro origine? Qual è il loro punto d’incontro? Qual è la loro guida? Qual è il loro sovrano? Qual è il loro custode? Qual è il loro nucleo?’ Dovreste rispondere loro: ‘Venerabili, tutte le realtà hanno come radice il desiderio. L’attenzione le produce. Il contatto è la loro origine. La sensazione è il loro punto d’incontro. La concentrazione è la loro guida. La presenza mentale è il loro sovrano. La saggezza è il loro custode. La liberazione è il loro nucleo.’ Quando gli asceti erranti che seguono altri sentieri, vi interrogano così dovete rispondere.”

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato, 2018. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.