Skip to content

Thera 13.1: Soṇakoḷivisattheragāthā – Soṇakoḷivisa

Colui che era speciale nel regno,
il servitore del re di Aṅga,
oggi è speciale nel Dhamma –
Soṇa ha superato la sofferenza.

Cinque da tagliare, cinque da abbandonare,
e cinque da sviluppare.
Un monaco che ha superato i cinque tipi di attaccamento
è chiamato “Colui che ha attraversato la corrente”.

Se un monaco è insolente e negligente,
interessato solo alle cose esteriori,
la morale, la concentrazione e la saggezza
non si realizzano.

Ignora ciò che deve essere fatto,
e realizza ciò che non deve essere fatto.
Per chi è insolente e negligente,
le proprie contaminazioni non fanno che crescere.

Chi ha intrapreso rettamente
la costante consapevolezza del corpo,
non coltiva ciò che non deve essere fatto,
ma fa sempre ciò che deve essere fatto.

Memore e consapevole,
le sue contaminazioni finiscono.
Il retto sentiero è stato esposto –
seguilo senza tornare indietro.

Fatti forza
e fai in modo che si spenga.
Quando la mia energia è stata sollecitata in modo eccessivo,
il supremo Maestro del mondo
creò per me la similitudine del liuto.

Il Veggente insegnò il Dhamma,
e quando ho sentito ciò che ha detto,
eseguii felicemente i suoi consigli.
Praticare la serenità della mente
per il raggiungimento della meta più alta.

Ho raggiunto le tre conoscenze
e adempiuto agli insegnamenti del Buddha.
Quando ti dedichi alla rinuncia
e all’isolamento dal mondo;
quando ti dedichi alla gentilezza
e alla fine dell’attaccamento;

quando ti dedichi alla fine del desiderio
e alla purezza del pensiero;
e hai visto il sorgere dei sensi,
la tua mente è rettamente liberata.

Per colui, rettamente liberato,
un monaco dalla mente serena,
non c’è nulla da migliorare,
e niente più da realizzare.

Come il vento non può smuovere
una solida massa di roccia,
così anche le visioni, i sapori, i suoni,
odori e contatti – la sorte –
e i pensieri, che piacciano o non piacciano,
non disturbano chi è in armonia.

La sua mente è ferma e incondizionata
mentre osserva la morte.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato e Jessica Walton, 2019. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.