Skip to content

SN 35.4: Bāhirānicca Sutta – Le realtà esteriori come impermanenti

“Monaci, la vista è impermanente. Ciò che è impermanente è sofferenza. Ciò che è sofferenza è non-Sé. E ciò che è non-Sé deve essere compreso realmente, con retta conoscenza, in questo modo: ‘Questo non è mio, io non sono questo, questo non è il mio Sé’.
Suoni, odori, sapori, tatto e pensieri sono impermanenti. Ciò che è impermanente è sofferenza. Ciò che è sofferenza è non-Sé. E ciò che è non-Sé deve essere compreso realmente, con retta conoscenza, in questo modo: ‘Questo non è mio, io non sono questo, questo non è il mio Sé’.

Vedendo questo, un nobile discepolo istruito si distacca dalla vista, dai suoni, dagli odori, dai sapori, dal tatto e dai pensieri. Essendo distaccato, il desiderio svanisce. Quando il desiderio svanisce, è liberato. Quando è liberato, sa di essere liberato.
Comprende: ‘La rinascita è distrutta, il viaggio spirituale è stato compiuto, ciò che doveva essere fatto è stato fatto, non ci saranno altre esistenze.'”

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato, 2018. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.