Skip to content

AN 4.210: Catutthapāpadhamma Sutta – Cattivo carattere (4)

“Monaci, vi insegnerò il carattere cattivo e il carattere peggiore, il carattere buono e il carattere migliore.

E chi ha un carattere cattivo? È qualcuno che ha una visione errata, un pensiero errato, un discorso errato, un’azione errata, un sostentamento errato, uno sforzo errato, una presenza mentale errata, una concentrazione errata, una conoscenza errata e una liberazione errata. Questo si chiama carattere cattivo.

E chi ha un carattere peggiore? È qualcuno che ha una visione errata, un pensiero errato, un discorso errato, un’azione errata, un sostentamento errato, uno sforzo errato, una presenza mentale errata, una concentrazione errata, una conoscenza errata e una liberazione errata. Inoltre incoraggia gli altri in queste stesse qualità. Questo si chiama carattere peggiore.

E chi ha un carattere buono? È qualcuno che ha retta visione, retto pensiero, retta parola, retta azione, retto sostentamento, retto sforzo, retta presenza mentale, retta concentrazione, retta conoscenza e retta liberazione. Questo si chiama carattere buono.

E chi ha un carattere migliore? È qualcuno che ha retta visione, retto pensiero, retta parola, retta azione, retto sostentamento, retto sforzo, retta presenza mentale, retta concentrazione, retta conoscenza e retta liberazione. Inoltre incoraggia gli altri in queste stesse qualità. Questo si chiama carattere migliore.”

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato, 2018. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.