Skip to content

AN 3.75: Nivesaka Sutta – Sostegno

Il Venerabile Ānanda si recò dal Buddha, lo salutò con rispetto e si sedette a lato. Il Buddha gli disse: “Ānanda, coloro per cui provi simpatia – amici e compagni, parenti e familiari – dovrebbero essere incoraggiati, sostenuti e stabiliti in tre cose. Quali tre?

Fiducia empirica nel Buddha: ‘Quel Beato è un Tathagata, un Perfettamente e Completamente Risvegliato, con perfetta conoscenza e condotta, il Glorioso, conoscitore del cosmo, maestro insuperabile di coloro che vogliono essere istruiti, maestro di esseri umani e divini, il Risvegliato, il Beato.’

Fiducia empirica nel Dhamma: ‘Il Dhamma è ben spiegato dal Buddha: visibile in questa stessa vita, immediatamente efficace, che invita all’analisi, considerevole, in modo che le persone sensibili possano conoscerlo da sole.’

Fiducia empirica nel Saṅgha: ‘Il Saṅgha dei discepoli del Buddha pratica il retto e sommo sentiero. Consta di quattro coppie, otto individui. Questo è il Saṅgha dei discepoli del Buddha, degno di offerte dedicate ai deva, degno di ospitalità, degno di una donazione religiosa, degno di rispetto ed è campo di merito supremo per il mondo.’

Potrebbe esserci un cambiamento nei quattro elementi primari – terra, acqua, aria e fuoco – ma un nobile discepolo con fiducia empirica nel Buddha non cambierebbe mai. In questo contesto, “cambiamento” significa che un discepolo nobile rinascerà all’inferno, nel regno animale o nel regno degli spiriti: ciò è impossibile.

Potrebbe esserci un cambiamento nei quattro elementi primari – terra, acqua, aria e fuoco – ma un nobile discepolo con fiducia empirica nel Dhamma … o nel Saṅgha non cambierebbe mai. In questo contesto, “cambiamento” significa che un discepolo nobile rinascerà all’inferno, nel regno animale o nel regno degli spiriti: ciò è impossibile.

Coloro per cui provi simpatia – amici e compagni, parenti e familiari – dovrebbero essere incoraggiati, sostenuti e stabiliti in queste tre cose.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato, 2018. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.