Skip to content

SN 48.49: Piṇḍolabhāradvāja Sutta – Bhāradvāja

Così ho sentito. Un tempo il Buddha soggiornava presso Kosambi, nel monastero di Ghosita.
A quel tempo il venerabile Bhāradvāja aveva dichiarato il proprio Risveglio: ‘Ho compreso’: ‘La rinascita è finita, il viaggio spirituale è stato completato, ciò che doveva essere fatto è stato fatto, non ci saranno future esistenze’.
Quindi alcuni monaci si avvicinarono al Buddha, si inchinarono, si sedettero a lato e gli raccontarono l’accaduto. Poi dissero: “In base a cosa il venerabile Bhāradvāja ha potuto dichiarare il proprio Risveglio?”
“Siccome Bhāradvāja ha sviluppato e coltivato tre facoltà ha potuto dichiarare il proprio Risveglio: ‘Ho compreso’: ‘La rinascita è finita, il viaggio spirituale è stato completato, ciò che doveva essere fatto è stato fatto, non ci saranno future esistenze.’ Quali tre? La facoltà della consapevolezza, della concentrazione e della saggezza.
Siccome Bhāradvāja ha sviluppato e coltivato queste tre facoltà ha potuto dichiarare il proprio Risveglio.
Qual è il culmine di queste tre facoltà? Culminano nella fine. Nella fine di cosa? Della rinascita, della vecchiaia e della morte. Siccome ha compreso che tali facoltà culminano nella fine della rinascita, della vecchiaia e della morte Bhāradvāja ha potuto dichiarare il proprio Risveglio: ‘Ho compreso’: ‘La rinascita è finita, il viaggio spirituale è stato completato, ciò che doveva essere fatto è stato fatto, non ci saranno future esistenze’.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato, 2018. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.