Skip to content

Vv 4.12: Rajjumālāvimānavatthu – Il palazzo di Rajjumala

Moggallana Bhante:
Devata, la tua bellezza splende in tutte le direzioni come la stella luminosa di nome Osadhi.
Quando balli, una musica divina e un dolce profumo si diffondono dalle tue mani e dai tuoi piedi. Inoltre, gli ornamenti sulla tua testa riproducono musica deliziosa. I fiori sulla tua testa emanano un profumo denso, come quello di un albero di manjusaka, e si ode della musica quando soffia la brezza. Sicuramente, devi sentire quel profumo e vedere il tuo corpo divino?
Dimmi Devata, che tipo di azione meritoria hai compiuto quando eri nel mondo umano per ottenere questa bellezza che splende in tutte le direzioni ed aver guadagnato tutte queste cose meravigliose?

Devata:
Nella mia vita precedente, nel mondo umano, vivevo nella città chiamata Gaya. Ero una serva che lavorava in una famiglia di casta alta. Non avevo molti meriti e sono stata molto sfortunata. Tutti mi chiamavano Rajjumala. Sono stata maltrattata, minacciata e picchiata. Ero stanca di vivere in quel modo.

Un giorno ho preso dell’acqua e sono scappata. Mi sono rifugiata nella foresta pensando al suicidio. Non aveva senso vivere così. Ho fatto un cappio e l’ho legato a un albero. Mi sono guardata intorno per vedere se c’era qualcuno. Poi ho visto il Buddha Supremo, il maestro più compassionevole di tutti gli esseri del mondo, seduto ai piedi di un albero in meditazione, libero da tutte le paure.

Ero scioccata, sorpresa e terrorizzata Ho pensato: “Chi è quell’essere in questa foresta – è un umano o un dio?” La vista di lui era elettrizzante. È fuggito dalla foresta degli influssi impuri e ha raggiunto la beatitudine della calma. Quando l’ho visto sono stata felicissima. Ho capito che non era un essere umano normale. Il Beato viveva con i sensi limitati, dilettandosi nella meditazione con la mente stabilita nel Nibbana. In verità, è il Buddha Supremo, il maestro più compassionevole del mondo.

Come un leone che vive nella sua caverna, il Beato non ha paura di nulla. Vedere un Buddha coraggioso è molto raro, come vedere un fiore di udumbara. Il Buddha Supremo mi chiamò gentilmente, dicendo: “Rajjumala”, e mi chiese di rifugiarmi presso il Buddha Supremo. Quando ho sentito quelle parole dolci, gentili, significative, piacevoli e adorabili tutti i miei dolori sono scomparsi. La mia mente era gioiosa e pura. Ero pronta a comprendere il Dhamma. A quel tempo, il maestro più compassionevole del mondo mi ha insegnato il Dhamma, dicendo: “Questa è la sofferenza, questa è l’origine della sofferenza, questa è la cessazione della sofferenza, e questo è il sentiero che conduce alla cessazione della sofferenza.” Ho seguito i consigli del maestro più compassionevole e abile, il Buddha Supremo. Ho compreso lo stato pacifico e immortale, il Nibbana. Con la realizzazione delle Quattro Nobili Verità, il mio amore verso il Buddha divenne forte, incrollabile, ben radicato e ben consolidato. Sono diventata una figlia nata dal cuore del Buddha Supremo.

Ora, vivo felice in questo paradiso, suonando e ballando. Non ho paura di cadere di nuovo nelle lande della miseria. Indosso ghirlande di fiori divini e bevo l’acqua del fiume divino Madhumaddava. Sessantamila strumenti musicali mi svegliano dal sonno. I Deva mi intrattengono. I loro nomi sono Alamba, Gaggara, Bhima, Sadhuvadin, Samsaya, Pokkhara e Suphassa. Anche altri deva, tra cui Vina, Mokkha, Nanda, Sunanda, Sonadinna, Sucimhita, Alambusa, Missakesi, Pundarika, Athicharuni, Eniphassa, Suphassa, Subhadda e Muduvadini, mi intrattengono.
Questi e molti altri deva mi intrattengono con la musica divina ogni volta che voglio. Mi dicono: “Vieni! Balliamo e cantiamo! Siamo qui per rallegrarti.”

Quelli senza merito non riceveranno dimore come questa. Solo coloro che hanno merito ricevono questa felicità nel celeste Parco Nandana nel paradiso Tavatimsa.
Coloro che non hanno raccolto meriti non otterranno alcuna felicità nella loro vita attuale o in quella successiva. Solo coloro che hanno raccolto meriti ottengono la felicità sia nella vita attuale che in quella futura. Coloro che desiderano rinascere nel paradiso Tavatimsa devono raccogliere molti meriti. Solo le persone che fanno buone azioni possono godere dei piaceri celesti.
I Buddha Supremi sono nati in questo mondo per la felicità di tutti gli esseri. Pertanto, i Buddha sono il tesoro unico dei campi in cui i donatori possono piantare il loro seme di merito. Avendo rispettato esseri così grandi, queste persone fortunate godono dei piaceri celesti.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Ven. Kiribathgoda Gnanananda Thera, Stories of Heavenly Mansions from the Vimanatthu © 2018 Mahamegha Publications. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.