Skip to content

Vibhanga 17: Khuddakavatthuvibhanga – Analisi delle piccole questioni (Vb 17.10.2)

17.10.2. La Duplice Esposizione 

Cos’è “la rabbia”? Ciò che è rabbia, l’essere arrabbiato, lo stato di essere colmo di rabbia, odio, l’odiare, lo stato di essere colmo d’odio, confusione, l’essere confuso, lo stato di confusione mentale, opposizione, ostilità, ferocia, irascibilità, assenza di gioia della coscienza. Ciò si chiama rabbia.

Cos’è “l’invidia”? Dopo la rabbia viene l’invidia; similmente, invidia, l’essere invidiosi, lo stato di essere invidiosi, protrazione continua, continuità, rafforzamento della rabbia. Ciò si chiama invidia.

Cos’è “lo sberleffo”? Tutto ciò che è sberleffo, lo sbeffeggiare, lo stato di sbeffeggiare, il denigrare, l’azione denigratoria. Ciò si chiama sberleffo.
 
Cos’è “il disprezzo”? Tutto ciò che è disprezzo, il disprezzare, lo stato del disprezzare, causa di discussioni e di competizione, mancanza di rispetto. Ciò si chiama disprezzo.

Cos’è “la gelosia”? Tutto ciò che si fa  per il guadagno, per l’onore, per il rispetto, per la considerazione, per essere rispettati, per invidia, lo stato di essere invidiosi, gelosia, lo stato di essere gelosi. Ciò si chiama gelosia.
 
Cos’è “la meschinità”? Cinque tipi di meschinità: relativa alla dimora, relativa alla famiglia, relativa al guadagno, relativa alla reputazione, relativa alla Dottrina; similmente, meschinità, l’essere meschino, lo stato di essere meschino, avarizia, essere ignobile, parsimonia, ristrettezza mentale. Ciò si chiama meschinità.

Cos’è “la falsità”? Chi compie un’errata azione fisica, verbale e mentale per nascondere un’azione che evoca un desiderio negativo; egli desidera, pensa, afferma con la parola e con il corpo: ‘Nessuno mi deve conoscere.’; similmente, inganno, essere falso, ingannevole, insidia, frode, ‘confondere le acque’, eludere, dissimulare, coprire, nascondere, celare, non essere chiaro, non essere trasparente, usare sotterfugi. Ciò si chiama falsità.
 
Cos’è “l’ipocrisia”? Chi è ipocrita, imbroglione; tutto ciò che è ipocrisia, essere ipocrita, lo stato d’essere ipocrita, rozzezza, essere rozzo, falso, essere falso. Ciò si chiama ipocrisia.

Cos’è “l’ignoranza”? Tutto ciò che è assenza di conoscenza, assenza di retta visione, la radice negativa dell’illusione. Ciò si chiama ignoranza.

Cos’è “la brama per l’esistenza”? Tutto ciò che è collegato con l’esistenza è desiderio di esistenza, brama di esistenza, passione per l’esistenza, sete di esistenza, ardente inclinazione per l’esistenza, febbre per l’esistenza, febbre di esistenza, attaccamento all’esistenza. Ciò si chiama brama per l’esistenza.

Cos’è “il credo sull’esistenza”? ‘L’anima e il mondo di nuovo esisteranno’, similmente, falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … (vedi Vibhanga 6). Ciò si chiama credo sull’esistenza.
 
Cos’è “il credo sulla non-esistenza”? ‘L’anima e il mondo non esisteranno’, similmente, falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama credo sulla non-esistenza.

Cos’è “la visione eternalista”? ‘L’anima e il mondo sono eterni.’, similmente, falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama visione eternalista.

Cos’è “la visione nichilista”? ‘L’anima e il mondo cesseranno.’, similmente, falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama visione nichilista.

Cos’è “la visione sulle realtà finite”? ‘L’anima e il mondo sono finiti.’, similmente, falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama visione sulle realtà finite.
 
Cos’è “la visione sulle realtà infinite”? ‘L’anima e il mondo sono infiniti.’, similmente, falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama visione sulle realtà infinite.

Cos’è “la visione sul supremo inizio”? Relativa al supremo inizio degli esseri, ciò che sorge è falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama visione sul supremo inizio.

Cos’è “la visione sulla suprema fine”? Relativa alla suprema fine degli esseri, ciò che sorge è falsa visione, ricorrere alla falsa visione, … Ciò si chiama visione sulla suprema fine.
 
Cos’è “l’assenza del senso della vergogna”? Non provare vergogna dove dovrebbe esserci vergogna, non provare vergogna nel raggiungere i dhamma negativi. Ciò si chiama assenza del senso della vergogna.

Cos’è “l’assenza del timore della vergogna”? Non avere timore della vergogna dove bisognerebbe aver timore della vergogna, non aver timore della vergogna nel raggiungere i dhamma negativi. Ciò si chiama assenza del timore della vergogna. 
 
Cos’è “la contumacia”? Dopo aver parlato della Dottrina vi è un atto di contumacia, lo stato di contumacia, contrarietà, capziosità, disprezzo, essere irrispettosi, mancanza di rispetto. Ciò si chiama contumacia.

Cosa sono “le cattive compagnie”? Ci sono delle persone senza fede, con un’errata moralità, senza istruzione, senza alcuna saggezza. Tutto ciò che è dipendenza da, frequentazione, intima frequentazione, completa dipendenza da, aver fiducia di, aver completa fiducia di, avere una relazione con. Ciò si chiama frequentare cattive compagnie.

Cos’è “la disonestà”? Tutto ciò che non è onestà, non essere corretto, sinuosità, slealtà. Ciò si chiama disonestà.

Cos’è “l’arroganza”? Tutto ciò che non è gentilezza, essere scortese, durezza, asprezza, essere duro, rigidezza, inflessibilità della coscienza. Ciò si chiama arroganza.

Cos’è “l’intolleranza”? Tutto ciò che è intolleranza, essere intollerante, assenza di indulgenza, crudeltà, asprezza, assenza di gioia della coscienza. Ciò si chiama intolleranza.

Cos’è “l’immoderatezza”? Trasgressione fisica, verbale e mentale. Ciò si chiama immoderatezza. Anche un comportamento negativo è immoderatezza. 
 
Cos’è “l’assenza di indulgenza”? Quelle  parole nodose, scabre, aspre per gli altri, offensive per gli altri, colme di rabbia, non favorevoli alla samadhi; un discorso pronunciato in questo modo. Un linguaggio scortese, privo di gentilezza, duro. Ciò si chiama assenza di indulgenza.

Cos’è “l’inospitalità”? Due tipi di ospitalità: ospitalità mondana e ospitalità dottrinale. In questo caso chi è inospitale per quanto riguarda l’ospitalità mondana o l’ospitalità dottrinale. Ciò si chiama inospitalità.

Cos’è “il non controllare le porte delle facoltà”? Colui che, vedendo un oggetto visibile con l’occhio, ne assume l’aspetto generale, cattura ogni dettaglio. Per un qualsiasi motivo una persona che dimora senza controllare la facoltà visiva, farà sorgere cupidigia, sofferenza mentale e dhamma negativi. Egli non esercita l’autocontrollo; non tutela la facoltà visiva; non modera la facoltà visiva. Sentendo un oggetto udibile con l’orecchio, … Odorando un oggetto odoroso con il naso, … Assaporando un oggetto sapido con la lingua, … Toccando un oggetto tangibile con il corpo, … Conoscendo un oggetto ideazionale con la mente, ne assume l’aspetto generale, cattura ogni dettaglio. Per un qualsiasi motivo una persona che dimora senza controllare la facoltà mentale, farà sorgere cupidigia, sofferenza mentale e dhamma negativi. Egli non esercita l’autocontrollo; non tutela la facoltà mentale; non modera la facoltà mentale. Tutto ciò che di queste sei facoltà non viene custodito, né controllato, né tutelato, né moderato. Ciò si chiama “non controllare le porte delle facoltà”.

Cos’è “non moderare il cibo”? Quando una persona non riflette, e impropriamente assume cibo a volontà, per orgoglio, o per uno scopo fisico; tutto ciò è insoddisfazione, senza tener conto della modica quantità, senza riflettere sul cibo. Ciò si chiama “non moderare il cibo”.

Cos’è “nessuna presenza mentale”? Tutto ciò che è assenza di presenza mentale, assenza di costante presenza mentale, assenza di raccoglimento, assenza di consapevolezza, assenza dell’atto di ricordare, assenza di controllo mentale, superficialità, noncuranza.

Cos’è “l’assenza di attenzione”? Tutto ciò che è assenza di conoscenza, assenza di visione, (vedi Vibhanga 3) … la radice negativa dell’ignoranza. Ciò si chiama assenza di attenzione.
 
Cos’è “l’immoralità”? Tutto ciò che è trasgressione fisica, verbale e mentale. Ciò si chiama immoralità, anche tutte le false moralità sono immoralità.
 
Cosa sono “le false visioni”? “Non vi sono né offerte né elemosine; non vi è alcun sacrificio, … non esiste nulla di ciò che è stato pienamente compreso o realizzato in questo mondo e nel prossimo da far conoscere ad altri”; similmente, falsa visione o dottrina, … (vedi Vibhanga 6). Ciò si chiamano false visioni.
 
Cosa sono “le catene interne e esterne”? Le cinque catene appartenenti all’esistenza inferiore sono catene interne; le cinque catene appartenenti all’esistenza superiore sono catene esterne.
 
Qui termina la Duplice Esposizione.

Traduzione in inglese dalla versione Pali di U Thittila, The Book of Analysis, Published by Pali Text Society, 1969. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.