Skip to content

Theragatha 1.111-120: Dvādasama Vagga

Thera 1.111: Jentattheragāthā – Jenta

Il sentiero ascetico è arduo; vivere a casa è faticoso;
il Dhamma è profondo; i soldi sono difficili da guadagnare.
Vivere è difficile per noi che accettiamo qualunque cosa accada,
quindi dobbiamo sempre pensare all’impermanenza.

Thera 1.112: Vacchagottattheragāthā – Vacchagotta

Sono un maestro delle tre conoscenze, sono un grande meditante,
un esperto della pace mentale.
Ho realizzato la mia meta
e compiuto il Dhamma del Buddha.

Thera 1.113: Vanavacchattheragāthā – Vanavaccha (2)

L’acqua è limpida e le rocce sono grandi,
scimmie e cervi sono ovunque;
ricoperti di muschio,
questi dirupi rocciosi mi deliziano!

Thera 1.114: Adhimuttattheragāthā – Adhimutta (1)

Il tuo corpo è pesante,
e la vita volge alla fine;
avido di piacere fisico,
come puoi trovare la felicità come asceta?

Thera 1.115: Mahānāmattheragāthā – Mahānāma

Sul monte Nesādaka,
con la sua famosa copertura
di arbusti e alberi,
sei stato trovato imperfetto.

Thera 1.116: Pārāpariyattheragāthā – Pārāpariya (1)

Ho rinunciato alle sei sfere del contatto sensoriale,
le mie porte sensoriali sono protette e ben controllate;
ho reciso la radice della sofferenza
e raggiunto la fine degli influssi impuri.

Thera 1.117: Yasattheragāthā – Yasa

Sono ben profumato e ben vestito,
adornato con tutti i miei gioielli.
Ho raggiunto le tre conoscenze
e compiuto il Dhamma del Buddha.

Thera 1.118: Kimilattheragāthā – Kimbila (1)

La vecchiaia è una maledizione;
è lo stesso corpo, ma sembra quello di un altro.
Ricordo me stesso come qualcun altro,
ma sono sempre lo stesso, non sono fuggito.

Thera 1.119: Vajjiputtattheragāthā – Vajjiputta (2)

Dimori in una foresta, ai piedi di un albero,
con grande fermezza.
Pratichi i jhana, Gotama, non essere negligente!
Cos’è tutto questo clamore intorno a te?

Thera 1.120: Isidattattheragāthā – Isidatta

I cinque aggregati sono stati totalmente compresi,
rimangono, ma la loro radice è recisa.
Ho posto fine alla sofferenza
e raggiunto la fine degli influssi impuri.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato e Jessica Walton, 2019. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.