Skip to content

Thera Ap 10: Piṇḍolabhāradvājattheraapadāna – Piṇḍola-Bhāradvāja

Il vincitore Padumuttara
Colui che è divenuto Uno, la Persona Migliore,
dimorava al tempo a Cittakūṭa,
di fronte all’Himalaya.

In quel tempo io ero il re delle bestie,
senza timore di camminare a quattro zampe.
Sentendo la voce di quel Buddha
molte persone si radunarono.

Raccogliendo un loto in fiore
mi avvicinai a lui, il Toro degli Uomini,
e lo donai al Buddha quando
appena uscito dalla meditazione.

Adorai dalle quattro direzioni
il Miglior Buddha, l’Uomo Ultimo
recando piacere al mio cuore
poi emisi un ruggito da leone.

Padumuttara, Conoscitore del Mondo,
Destinatario del Sacrificio,
seduto sul proprio seggio
pronunciò questi versi su di me:

Sapendo che il Buddha avrebbe parlato,
i deva si riunirono tutti insieme, pensando,
“Il Migliore, il Buddha, è venuto;
ascoltiamo il suo Dhamma.”

Il Capo del Mondo, colui che vede lontano,
il Grande Saggio Buddha, spiegò
il significato del mio ruggito davanti a
quei deva travolti dalle risa.

“Racconterò i dettagli di colui
che mi ha donato questo fiore di loto
e che ha emesso un ruggito da leone;
ascoltate tutti le mie parole:

Tra otto eoni nel futuro
egli sarà un monarca che gira la ruota,
possessore delle sette gemme,
un signore dei quattro continenti.

Poi regnerà sulla terra
per oltre quattro volte sessanta vite.
Sarà conosciuto come Paduma,
un re che gira la ruota con una grande energia.

In centomila eoni,
nato nella stipre di Okkāka,
colui il cui nome è Gotama,
sarà il Maestro del mondo.

Sarà un brahmano quando
le parole del Buddha saranno trasmesse.
Abbandonando la sua condizione di brahmano,
sarà un asceta sul sentiero del Buddhismo.

Dedicandosi allo sforzo,
calmo, privo di cause per la rinascita,
conoscendo bene tutti gli influssi impuri,
raggiungerà il nirvana, senza contaminazioni.

Pur appartenendo a un gruppo di bestie feroci
che vivono nella foresta più profonda,
conoscendo bene tutti gli influssi impuri,
raggiungerà il nirvana, senza contaminazioni.”

I miei influssi impuri sono ora eliminati;
ogni nuova esistenza è distrutta.
Come elefanti con catene spezzate,
vivo senza vincoli.

Essere alla presenza del miglior Buddha
è stata una cosa molto buona per me.
Le tre conoscenze sono state raggiunte;
ho fatto ciò che il Buddha ha insegnato!

I quattro modi analitici,
e le otto liberazioni,
sei conoscenze speciali padroneggiate,
ho fatto ciò che il Buddha ha insegnato!

Così il venerabile Piṇḍola-Bhāradvāja Thera pronunciò questi versi.

La leggenda di Piṇḍola-Bhāradvāja Thera è terminata.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Jonathan S. Walters. Whitman College, 2017, Legends of the Buddhist Saints (Apadāna). 
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.

TestoApadana