mercoledì, ottobre 18, 2017

canonepali.net :: AN 1.81-97: Pamadadi Vagga – La negligenza e altro

81. “Monaci, l’aumento della ricchezza non è nulla paragonato all’aumento della saggezza. Perciò esercitatevi per sviluppare la saggezza.”

82. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come la negligenza. Monaci, la negligenza è sofferenza.”

83. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come lo zelo. Monaci, lo zelo è vantaggioso.”

84. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come l’indolenza. Monaci, l’indolenza conduce alla sofferenza.”

85. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come il retto sforzo. Monaci, il retto sforzo è vantaggioso.”

86. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come la brama. Monaci, la brama conduce alla sofferenza.”

87. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come l’assenza di brama. Monaci, l’assenza di brama è vantaggiosa.”

88. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come l’insoddisfazione. Monaci, l’insoddisfazione conduce alla sofferenza.”

89. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come la soddisfazione. Monaci, la soddisfazione è vantaggiosa.”

90. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come lo stolto pensare. Monaci, pensare stoltamente conduce alla sofferenza.”

91. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come il pensare saggio. Monaci, pensare saggiamente è vantaggioso.”

92. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come la mancanza di consapevolezza. Monaci, la mancanza di consapevolezza conduce alla sofferenza.”

93. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come la retta consapevolezza. Monaci, la retta consapevolezza è vantaggiosa.”

94. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come la cattiva amicizia. Monaci, la cattiva amicizia conduce alla sofferenza.”

95. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come la buona amicizia. Monaci, la buona amicizia è vantaggiosa.”

96. “Monaci, non conosco nulla che faciliti la sofferenza come l’attenzione al demerito e la non attenzione al merito. Monaci, l’attenzione al demerito e la non attenzione al merito conduce alla sofferenza.”

97. “Monaci, non conosco nulla di così vantaggioso come l’attenzione al merito e la non attenzione al demerito. Monaci, l’attenzione al merito e la non attenzione al demerito è vantaggiosa.”

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhuni Upalavanna. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.