Skip to content

Parole: attaccamento

La caratteristica dell’attaccamento (lobha)

Le coscienze (citta) sono di vari tipi. Esse possono essere classificate in coscienze negative (akusala citta), coscienze positive (kusala citta), coscienze che sono l’effetto (vipaka citta) e coscienze che non sono né causa né effetto (kiriya citta). Tutti questi tipi di coscienza sorgono ogni giorno, ma noi non ce ne accorgiamo. Il più delle volte […]

Snp 4.14: Tuvataka Sutta – Sollecitudine

“Chiedo a te che sei della stirpe del Sole, il grande veggente, della vita solitaria e dello stato di pace. In che modo un monaco è liberato, senza attaccamento al mondo?” “Deve completamente recidere la radice dell’ignoranza (la tendenza della mente a creare concetti): ‘Sono colui che pensa.’ Deve esercitarsi, sempre presente mentalmente, a dominare […]

SN 35.69: Upasena Sutta – Upasena

Una volta il Ven. Sariputta e il Ven. Upasena soggiornavano presso Rajagaha nella Fresca Foresta, nella grotta del serpente. Quindi accadde che un serpente morse il Ven. Upasena. Allora il Ven. Upasena chiamò i monaci: “Presto, amici, adagiate questo mio corpo su un giaciglio e portatelo fuori prima che si dissolava come una manciata di […]

SN 12.52: Upadana Sutta – L’attaccamento

Savatthi. Là, il Benedetto disse ai monaci: “Dai fenomeni a cui ci si attacca, (o: dai fenomeni che offrono una continuità = i cinque aggregati), la brama si sviluppa. Dalla brama deriva l’attaccamento. Dall’attaccamento deriva il divenire. Dal divenire deriva la nascita. Dalla nascita derivano la vecchiaia e la morte, il dispiacere, i lamenti, il […]