Skip to content

SN 12.10: Maha Sakyamuni Gotamo Sutta – Gotama il Grande Saggio dei Sakya

“Monaci, prima del mio Supremo Risveglio. Quando era ancora un Bodhisatta un pensiero mi apparve: “Ahimè, questo mondo è infelice, ogni cosa nasce, muore, si dissolve e rinasce. Tuttavia non si comprende come sfuggire da questa sofferenza di nascita e morte. Eppure ci sarà un modo per sfuggire da tale sofferenza di nascita e morte.

Poi, monaci, un altro pensiero mi apparve: “Nascita e morte come vengono ad essere? Da cosa sono condizionate nascita e morte?” Quindi, monaci, così meditando la conoscenza e la visione profonda in me sorsero: “Con l’esistenza della nascita, vengono ad essere vecchiaia e morte; vecchiaia e morte sono condizionate dalla nascita.” Poi un altro pensiero mi apparve: “Da quale condizione la nascita viene ad essere? Cosa condiziona la nascita? … il divenire … l’attaccamento … la brama … la sensazione … il contatto … le sei basi dei sensi … il nome e forma … la coscienza … le predisposizioni karmiche?” Quindi così meditando la conoscenza e la visione profonda in me sorsero: “Dall’ignoranza vengono ad essere le predisposizioni karmiche; le predisposizioni karmiche sono condizionate dall’ignoranza.” E così abbiamo: “Le predisposizioni karmiche sono condizionate dall’ignoranza, la coscienza è condizionata dalle predisposizioni karmiche … Così viene ad essere questa intera massa di sofferenza.”

“Genesi, genesi!” – A tale pensiero, monaci, in me sorsero la visione, la conoscenza, la comprensione, l’illuminazione di realtà mai rivelate prima.

Poi, monaci, un pensiero mi apparve: “Dall’assenza di cosa vecchiaia e morte non vengono ad essere?” Quindi, monaci, così meditando la conoscenza e la visione profonda in me sorsero: “Dall’assenza della nascita, vecchiaia e morte non vengono ad essere; dalla cessazione della nascita deriva la cessazione di vecchiaia e morte, del divenire … dell’attaccamento … della brama … della sensazione … del contatto … delle sei basi dei sensi … del nome e forma … della coscienza … delle predisposizioni karmiche … dalla cessazione dell’ignoranza deriva la cessazione delle predisposizioni karmiche … E così la cessazione di questa intera massa di sofferenza.”

“Cessazione,cessazione!” – A tale pensiero, monaci, in me sorsero la visione, la conoscenza, la comprensione, l’illuminazione di realtà mai rivelate prima.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Maurice O’Connel Walshe.  Tradotto in italiano da Enzo Alfano.