Skip to content

Pv 1.13: Samsaramocakapetivatthu — Sariputta Bhante aiuta uno spirito

Sariputta Bhante vede uno spirito e chiede,

Sariputta Bhante:
Sei nudo e molto brutto, le tue vene sono molto evidenti. Sei magro, con le costole visibili, chi sei?

Spirito:
Sono uno spirito, signore. Sto soffrendo nel mondo di Yama. Ho compiuto una cattiva azione come essere umano e sono rinato nel mondo degli spiriti.

Sariputta Bhante:
Quale azione malvagia hai compiuto con il corpo, con la parola o con la mente per rinascere nel mondo degli spiriti?

Spirito:
Nessuno ha avuto di me compassione. Né mio padre, né mia madre, né i miei parenti mi hanno esortato a fare elemosine ai monaci. Pertanto, non ho mai fatto un’offerta. Devo errare per il mondo nudo e affamato per cinquecento anni. Questo è il risultato della mia cattiva azione.Ti ringrazio, signore con una mente molto serena. Per favore abbi compassione di me, o nobile monaco. Per favore, offri qualcosa e condividi i meriti con me. Per favore, liberami da questo stato di sofferenza.

Sariputta Bhante:
Molto bene.
Quindi Sariputta Bhante offrì del riso, un pezzo di stoffa e una ciotola d’acqua ai monaci. Poi condivise i meriti con lo spirito. Il risultato di quel merito fu immediatamente ricevuto dallo spirito sotto forma di cibo, bevande e vestiti. Divenne pulito e profumato con vestiti puliti e raffinati. Poi si avvicinò a Sariputta Bhante.

Sariputta Bhante:
Chi sei, con una bellezza celeste, che splende in tutte le direzioni come una stella? Perché sei così bello? Che merito hai raccolto quando eri un essere umano?

Spirito:
Sariputta Bhante, sei stato colmo di compassione quando mi hai visto in uno stato miserabile: magro, affamato e nudo con la pelle rugosa. Hai offerto ai monaci del riso, un pezzo di stoffa e una ciotola d’acqua, poi hai diviso con me il merito. Ora guarda il risultato dell’offerta di una manciata di riso. Per mille anni mangerò cibi deliziosi ogni volta che voglio.
Guarda il risultato dell’offerta di un pezzo di stoffa. Ho tanti vestiti come il re Nanda. Ho vestiti di seta, di lana, di lino e di cotone. Ci sono molti vestiti costosi, così tanti che pendono dal cielo. Posso indossare ciò che voglio.
Guarda il risultato dell’offerta di una ciotola d’acqua. Ho ottenuto un bellissimo stagno con acqua chiara e fresca. È circondato da sabbia fine e ci sono fiori e gigli profumati con petali che galleggiano sull’acqua. Sono molto felice di giocare con l’acqua. Non ho paura di niente. Sei stato molto compassionevole con me, Bhante. Sono venuto per venerarti.
 

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli del Ven. Kiribathgoda Gnanananda Thera, Stories of Ghosts from the Petavatthu © 2018 Mahamegha Publications. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.