Skip to content

Patthana: Capitolo 7

7. Annamanna-Paccaya (reciprocità)

Ciò che è stato detto dei paccaya-dhamma nelle classificazioni della relazione di convivenza è descritto qui (in questa relazione) tra paccaya e paccayuppanna-dhamma. Tutti gli stati di coscienza e i loro concomitanti mentali sono, reciprocamente, paccaya e paccayuppanna-dhamma; così sono i Grandi Essenziali coesistenti; così sono gli aggregati mentali della rinascita; e così è la base della mente che coesiste con gli aggregati mentali della rinascita.

Quanto al senso implicito qui descritto, è facile da capire. Tuttavia, una ulteriore illustrazione sarà interessante. Quando tre bastoncini sono posizionati in piedi appoggiati l’uno contro l’altro alle estremità superiori, ciascuno di essi dipende dagli altri due e dipende dagli altri. Finché uno di essi rimane in una posizione così verticale, così a lungo rimarrà nella stessa posizione. E, se uno di loro cade, cadranno tutti allo stesso tempo. Proprio così dovrebbe essere compresa questa relazione di reciprocità.

Qui, se qualcuno dovesse affermare che le proprietà mentali non sono in grado di emergere senza che la coscienza le renda servizio come base, riconosceremmo che è così. Perché? Perché la funzione della conoscenza è predominante tra le funzioni di contatto, e così via, delle proprietà mentali e, nel Dhammapada, come esposto dal Buddha onnisciente, la “mente è predominante” (Manopubbangama Dhamma, ecc.) E ancora se chiunque sostiene che anche la coscienza non è in grado di sorgere senza le proprietà mentali come correlativo, sosterremo questa visione. Le proprietà mentali sono fattori concomitanti di coscienza; pertanto, anche la coscienza non è in grado di sorgere senza le sue proprietà mentali di accompagnamento. Allo stesso modo, devono essere compresi i quattro Grandi Essenziali. Ma le qualità mentali che ne derivano non devono essere considerate fattori concomitanti, poiché sono solo derivati. Quindi le qualità materiali della vita e quelle nate dal nutrimento non sono fattori concomitanti, visto che possono esercitare, individualmente, la relazione causale del controllo e quella del nutrimento? No, non lo sono. Possono essere presi come fattori concomitanti solo quando lo sviluppo è in pieno svolgimento, ma non quando le cose sono solo allo stato di genesi. In questa relazione di reciprocità, il sorgere delle concomitanti nella fase della genesi è un fattore necessario.

Fine della relazione Annamanna.

The Patthanuddesa Dipani di Mahathera Ledi Sayadaw & Sayadaw U Nyana.  Tradotto in italiano da Enzo Alfano.