Skip to content

Patthana: Capitolo 6

6. Sahajata-Paccaya (coesistenza)

Ora saranno trattate le classificazioni paccaya e paccayuppanna-dhamma. Tutte le classi di coscienza coesistenti e i loro concomitanti mentali sono definiti reciprocamente paccaya e paccayuppanna-dhamma. Lo stesso gli aggregati mentali della rinascita e le basi mentali che coesistono con la rinascita; e così anche i Grandi Essenziali, reciprocamente tra loro. Tutte le qualità materiali nate dal Kamma al momento della rinascita e tutte le qualità materiali che nascono dalla mente, durante la vita, nell’istante nascente di ogni stato momentaneo di coscienza (che è in grado di produrre qualità materiale), sono semplicemente chiamate paccayuppanna-dhamma di quella coscienza coesistente. Tutte le qualità materiali derivate dai Grandi Essenziali sono, tuttavia, chiamate paccayuppanna-dhamma dei Grandi Essenziali.

In che senso si deve comprendere sahajata e in che senso paccayaSahajata deve essere inteso nel senso di convivenza e paccaya nel senso di aiuto. In questo caso, la coesistenza significa che quando sorge un fenomeno, esso sorge insieme al suo effetto; o, in altre parole, fa sì che anche i suoi effetti si manifestino contemporaneamente. Tale è il significato di convivenza implicito in questo caso. Ad esempio, quando il sole sorge, sorge insieme al suo calore e alla sua luce. E quando una candela brucia, brucia insieme al suo calore e alla sua luce. Quindi anche questa realtà relativa, nel sorgere, sorge insieme alle realtà correlate.

In questo esempio, il sole è come ciascuno degli stati mentali; il calore del sole come gli stati mentali coesistenti; e la luce del sole è come le qualità materiali coesistenti. Allo stesso modo, il sole è come ciascuno dei Grandi Essenziali; il suo calore, i coesistenti dei Grandi Essenziali; e la sua luce, le qualità materiali coesistenti che ne derivano. L’ esempio della candela dovrebbe essere compreso in modo simile. 

Fine della relazione Sahajata.

The Patthanuddesa Dipani di Mahathera Ledi Sayadaw & Sayadaw U Nyana.  Tradotto in italiano da Enzo Alfano.