Skip to content

Patthana: Capitolo 4

4. Anantara-Paccaya (contiguità)


Che cos’è anantara-paccaya? Tutte le classi della coscienza e i loro concomitanti mentali, appena cessati (nell’istante immediatamente precedente), sono anantara-paccaya. Quali sono quelli correlati da questo paccaya? Tutte le classi della coscienza e i loro concomitanti mentali, appena sorti (nell’istante immediatamente successivo), sono collegati da questo paccaya.

Nell’esistenza di un essere, la coscienza della rinascita è collegata al primo continuum vitale per mezzo della contiguità, e il primo continuum vitale è di nuovo correlato al secondo continuum vitale; e così via.

Ora, con riferimento al testo, “Quando la seconda coscienza immorale sorge al Puro (quelli della Pura Dimora, cioè Suddhavasa), ecc.”, esposto nel Dhamma-Yamaka, il nono capitolo del sesto libro dell’Abhidhamma, comprendiamo che, quando viene a conoscenza del suo nuovo corpo, il primo processo di pensiero che si presenta a un essere nella sua nuova vita è il processo di pensiero immorale accompagnato da un forte desiderio di vivere la nuova vita, con l’idea: “Questo è mio; questo sono io; questo è il mio Sé.” Quando questo processo sta per avvenire, il continuum vitale vibra per primo per due momenti. Successivamente arriva l’apprensione dalla porta della mente, e quindi segue una serie di sette appercezioni, accompagnati da un forte desiderio di vivere la nuova vita. Successivamente, la vita continua a ricominciare a scorrere.

In realtà, questo essere non sa nulla della sua nuova vita. Vive, riflettendo su ciò che aveva vissuto nell’esistenza precedente. La base della mente, tuttavia, è troppo debole, quindi anche l’oggetto non può essere chiaramente riflesso. Essendo l’oggetto così indistinto, generalmente sorgono solo le classi della coscienza che sono congiunte al dubbio.

Dopo due mesi o dal momento della fecondazione, durante il quale l’individuo si sta gradualmente sviluppando, i poteri di controllo di occhi, orecchie, ecc. completano il loro pieno sviluppo. Ma non essendoci luce, e così via, nel grembo materno, le quattro classi cognitive – visiva, uditiva e così via – non sorgono. Sorgono solo la cognizione tattile e la cognizione mentale. Il bambino soffre molto dolore e angoscia ad ogni cambiamento della postura corporea della madre, e molto di più mentre sta nascendo. Anche dopo che è venuto al mondo, giace molto debolmente sulla schiena fino a quando il delicato corpo diventa abbastanza forte (lett., Raggiunge lo stato di maturità) per sorreggersi. Durante questo periodo, non può conoscere gli oggetti presenti, ma la sua mente generalmente si rivolge agli oggetti della sua esistenza precedente. Se viene dal mondo infernale, in genere presenta una faccia spiacevole, poiché sente ancora ciò che aveva vissuto nel mondo infernale. Se viene dalla dimora dei deva, il suo volto piacevole non solo brilla di sorrisi, ma nella sua espressione gioiosa mostra la sua felicità a un pensiero degli oggetti del mondo Deva.

Inoltre, le parti del suo corpo diventano costantemente più forti e le sue impressioni sensoriali più chiare. Quindi è capace di giocare con grande gioia. Una vita felice è così iniziata per lui; e inizia a interessarsi alla sua nuova vita. Ascolta e imita le parole di sua madre e interagisce con lei. Così i suoi sensi si rivolgono quasi interamente al mondo attuale e tutti i suoi riflessi sulla vita precedente svaniscono. Vale a dire, dimentica la sua esistenza precedente.

Tutti gli esseri dimenticano le loro esistenze precedenti solo in questo periodo di vita? No, non tutti gli esseri. Alcuni, angosciati dal dolore del concepimento, dimenticano le loro esistenze precedenti durante il periodo della gravidanza, alcuni al momento della nascita, altri al suddetto periodo; alcuni durante il periodo della giovinezza e alcuni in età avanzata. Alcuni uomini straordinari non dimenticano per tutta la vita e ci sono anche alcuni che sono in grado di ricordare due o tre esistenze precedenti. Si chiamano Jatissarasatta, quelli dotati del ricordo delle loro esistenze precedenti.

Ora, tornando al nostro argomento. Sebbene i processi delle sei porte del pensiero inizino a funzionare dopo la nascita del bambino, tuttavia tali processi si risolvono pienamente solo quando il bambino è in grado di raccogliere gli oggetti presenti. Pertanto, in ogni processo di pensiero, ogni coscienza precedente, appena cessata, è collegata a ogni coscienza successiva che è immediatamente sorta, per contiguità. E questa relazione di contiguità prevale per tutto l’arco delle esistenze ricorrenti di un individuo. Solo dopo aver raggiunto il Sentiero della condizione di Arahant ed è entrato nel Khandha-Parinibbana (cioè l’estinzione totale dei Cinque Aggregati), questa interruzione continua, o, più strettamente parlando, cessa per sempre.

Perché anantara è così chiamato e perché paccayaAnantara è così chiamato perché provoca stati di fenomeni simili ai suoi per sorgere nell’istante immediatamente successivo. Paccaya è così chiamato perché aiuta tali processi. Nella frase “simile al suo”, la parola “simile” intende esprimere somiglianza rispetto alla facoltà di essere consapevole di un oggetto. E Sarammanta significa un fenomeno che non si verifica senza la presenza di un oggetto. Quindi è stato reso “simile per quanto riguarda l’avere la facoltà”, e così via.

Anche la frase “Dhammantarassa-uppadanatthena” esprime il seguente significato: “Sebbene il pensiero precedente cessi, la sua facoltà cosciente non si estingue fino a quando non ha fatto sorgere il pensiero successivo.”

In questo caso si dovrebbe tener presente che la serie paccaya-dhamma di questa relazione ricorda una serie di origini precedenti e la serie paccayuppanna-dhamma ricorda una serie di risultati successivi. Stando così le cose, l’ultimo pensiero morente di un Arahant dovrebbe causare anche il sorgere di una coscienza di rinascita. Ma non lo fa, poiché, alla fine dell’evoluzione dell’esistenza, tutte le attività delle volizioni e contaminazioni (Kamma-kilesa) sono completamente cessate e l’ultimo pensiero morente ha raggiunto la definitiva, ultima quiescenza.

Fine della relazione Anantara.

The Patthanuddesa Dipani di Mahathera Ledi Sayadaw & Sayadaw U Nyana.  Tradotto in italiano da Enzo Alfano.