Skip to content

Puggalapannati – Descrizione degli individui

Il Puggalapannatti, quarto libro dell’Abhidhammapitaka, parte dall’approccio strettamente fenomenologico della maggior parte dei testi dell’Abhidhamma per presentare un compendio di brani relativi a diversi tipi di individui.

Il titolo è composto da due parole: “Puggala” e “Pannatti“. La parola “Puggala” significa un individuo o una persona. Il Buddhismo distingue complessivamente dodici classi di esseri intelligenti o puggala – vale a dire, quattro della classe media ordinaria (puthujjana) e otto della classe eletta (ariya). 
Pannatti significa “nozione”, “designazione” ecc. Secondo il Commentario del Puggala-Pannatti, pannatti significa “spiegazione”, “predicazione”, “indicazione”, “stabilire”, “mostrare” ed “esposizione”. Ci sono sei pannatti. Questi equivalgono a tante (a) designazioni, (b) indicazioni, (c) esposizioni, (d) affermazioni, (e) deposizioni. Tutti questi sono i significati di pannatti
All’inizio, l’autore classifica i “pannatti” o nozioni in gruppo (khandha), locus (ayatana), elemento (dhatu), verità (sacca), facoltà (indriya) e persona (puggala). Di questi sei, l’ultimo è l’oggetto di quest’opera. 
Nel trattare l’argomento, l’autore fornisce prima un Sommario dell’intera opera, quindi segue il metodo dell’Anguttara Nikaya. Cioè, prima dà il raggruppamento sotto un termine, poi sotto due, e così via, fino al raggruppamento sotto dieci termini.
In sostanza, Puggala-Pannati menziona gli stati degli individui che vivono una vita mondana, nonché gli stati di coloro che raggiungono il Nirvana finale, seguendo il percorso di rinuncia, moralità e meditazione come insegnato dal Buddha.