Skip to content

Dhammasangani 2.3.2: Dukanikkhepa – Il Gruppo delle Coppie, cap. III

2.3 Sezioni
2.3.2. Il Gruppo delle Coppie

Capitolo 3: La Breve Raccolta Intermedia delle Coppie

 

Quali sono gli stati condizionati?

I cinque aggregati, cioè gli aggregati della materia, sensazione, percezione, formazioni mentali e intelletto.

Quali sono gli stati incondizionati?

L’elemento semplice.

Quali sono gli stati composti?

Gli stati condizionati.

Quali sono gli stati non composti?

Gli stati incondizionati.

Quali sono gli stati che hanno visibilità?

La sfera delle materie visibili.

Quali sono gli stati che non hanno visibilità?

Le sfere dei sensi e gli oggetti dei sensi; i quattro aggregati; quella materia che, anche se non è né visibile né condizionante, è inclusa negli stati mentali; l’elemento semplice.

Quali sono gli stati condizionanti?

Le sfere dei sensi e gli oggetti dei sensi.

Quali sono gli stati non condizionanti?

I quattro aggregati; quella materia che, anche se non è né visibile né condizionante, è inclusa negli stati mentali; l’elemento semplice.

Quali sono gli stati che hanno una forma materiale?

I quattro grandi principi così come la materia derivata dai quattro Grandi Fenomeni.

Quali sono gli stati che non hanno una forma materiale?

I quattro aggregati; l’elemento semplice.

Quali sono gli stati mondani?

Gli stati positivi, negativi e indeterminati Co-Inquinanti relativi all’universo dei sensi, a quello materiale o a quello immateriale, cioè i cinque aggregati.

Quali sono gli stati ultramondani?

I Sentieri apariyapanna [non appartenenti al triplice ciclo dell’esistenza], i Frutti dei Sentieri e l’elemento semplice.

Quali sono gli stati percepibili in un modo e non percepibili in un altro?

Gli stati percepibili dalla vista non sono percepibili dall’udito e viceversa.

Gli stati percepibili dalla vista non sono percepibili dall’olfatto, dal gusto, dalla sensibilità fisica e viceversa.

Gli stati percepibili dall’udito non sono percepibili dall’olfatto, dal gusto, dalla sensibilità fisica e viceversa.
Così per gli stati percepibili dall’olfatto, dal gusto e dalla sensibilità fisica.

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Caroline A.F. Rhys Davids, A Buddhist Manual of Psychological Ethics, (Compendium of States or Phenomena), Oriental Translation Fund (New Series), Vol. xii, London, Royal Asiatic Society, 1900. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.