Skip to content

AN 1.71-80: Kalyanamittatadi Vagga – La buona amicizia ed altro

71. “Monaci, non conosco nulla che faccia sorgere il merito non ancora nato e faccia svanire il demerito appena nato come la buona amicizia. La buona amicizia  fa sorgere il merito e fa svanire il demerito appena nato.”

72. “Monaci, non conosco nulla che faccia sorgere il demerito non ancora nato e faccia svanire il merito appena nato come la cattiva amicizia. La cattiva amicizia fa sorgere il demerito e fa svanire il merito appena nato.”

73. “Monaci, non conosco nulla che faccia sorgere il merito non ancora nato e faccia svanire il demerito appena nato come la ricerca del merito e l’abbandono del demerito. La ricerca del merito e l’abbandono del demerito fa sorgere il merito e fa svanire il demerito appena nato.”

74. “Monaci, non conosco nulla che faccia sorgere il demerito non ancora nato e faccia svanire il merito appena nato come la ricerca del demerito e l’abbandono del merito. La ricerca del demerito e l’abbandono del merito fa sorgere il demerito e fa svanire il merito appena nato.”

75. “Monaci, non conosco nulla che faccia sorgere i fattori dell’illuminazione non ancora nati e faccia sviluppare e perfezionare i fattori dell’illuminazione appena nati come la saggezza del pensiero. Monaci, chi pensa con saggezza fa sorgere i fattori dell’illuminazione non ancora nati e fa sviluppare e perfezionare i fattori dell’illuminazione appena nati. “

76. “Monaci, la tristezza della perdita delle amicizie non è nulla paragonata alla perdita della saggezza. Monaci, è molto più triste perdere la saggezza.

77. “Monaci, l’aumento delle amicizie non è nulla paragonato all’aumento della saggezza. Perciò esercitatevi per far crescere la saggezza.

78. “Monaci, la tristezza per la perdita della ricchezza non è nulla paragonata alla perdita della saggezza. Monaci, è molto più triste perdere la saggezza.

79. Monaci, l’aumento della ricchezza non è nulla paragonato  all’aumento della saggezza. Perciò esercitatevi per far crescere la saggezza.

80. “Monaci, la tristezza per la perdita della reputazione  non è nulla paragonata alla perdita della saggezza. Monaci, è molto più triste perdere la saggezza.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhuni Upalavanna. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.