Dhammasangani 2.2.3: Rupavibhatti – Esposizione della Materia (cap. I)

2.2. La Materia
2.2.3. Esposizione della Materia

Capitolo 1 – Esposizione della Materia per qualità singole

 

Tutta la materia è:

• non una causa,
• non il concomitante di una causa,
• non connessa ad una causa,
• condizionata,
• composta,
• dotata di forma,
• terrena,
• co-inquinante,
• propensa:
• alle Catene,
• ai Legami,
• ai Flussi,
• ai Vincoli,
• agli Ostacoli;
• infetta,
• propensa all’attaccamento,
• adatta alla corruzione,
• indeterminata,
• priva di idea,
• nè sensazione, nè percezione, né formazione mentale,
• non connessa al pensiero,
• nè risultato morale, nè produce risultato morale,
• non corrotta anche se appartiene alla corruzione,
• nè ciò ‘dove agisce l’idea razionale e il pensiero discorsivo’,
• né ciò ‘in cui non agisce l’idea razionale, ma soltanto il pensiero discorsivo’,
• priva del ‘meccanismo dell’idea razionale e del pensiero discorsivo’,
• non “accompagnata da gioia”,
• non “accompagnata dalla calma”,
• non “accompagnata da disinteresse”,
• né qualcosa capace di essere liberata sia da visione profonda sia da conoscenza,
• né causa di ciò che può essere liberato sia da visione profonda sia da conoscenza,
• nè tendente a, nè lontana da azioni che determinano una rinascita,
• che non appartiene né allo studio né a ciò che vada oltre lo studio
• limitata,
• collegata all’universo dei sensi
• non collegata all’universo materiale,
• nè a quello immateriale,
• inclusa (Pariyapanna = inclusa in, che appartiene al triplice ciclo dell’esistenza)
• né al Non-incluso (apariyapanna = non inclusa in, che non appartiene al triplice ciclo dell’esistenza),
• nè a qualcosa che comporti un risultato karmico,
• senza indicazioni etiche,
• riconoscibile quando risulta chiara dai sei modi di cognizione,
• impermanente,
• soggetta a decadimento.

Tale è la categoria della materia considerata per ogni singola qualità.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Caroline A.F. Rhys Davids, A Buddhist Manual of Psychological Ethics, (Compendium of States or Phenomena), Oriental Translation Fund (New Series), Vol. xii, London, Royal Asiatic Society, 1900. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.