Skip to content

DN 32: Atanatiya Sutta – La protezione Atanatiya

1. Così ho sentito. Una volta il Sublime soggiornava sul Picco dell’Avvoltoio nei pressi di Rajagaha (Rajagir).
Quindi i quattro grandi re [Dhatarattha, Virulha, Virupakka e Vessavana re dei mondi celesti] che controllano i quattro trimestri, con un grande esercito di Yakkha, di Gandhabba, di Kumbhanda e di Naga; giunsero alla presenza del Sublime, a notte inoltrata, illuminando il Picco dell’Avvoltoio con un grande bagliore, lo salutarono con rispetto e si sedettero ad un lato.

2. Poi il grande Re Vessavana, seduto ad un lato, disse al Sublime:
“Signore venerabile, ci sono Yakkha eminenti non concordanti col Sublime, ci sono Yakkha eminenti concordanti col Sublime. Ci sono Yakkha dei gironi intermedi non concordanti col Sublime, e ci sono quelli concordanti col Sublime. Ci sono Yakkha dei gironi inferiori non concordanti col Sublime, e ci sono quelli concordanti col Sublime. Gli Yakkha in genere non sono concordanti col Sublime. Qual è la ragione? Il Sublime proclama il Dhamma che insegna a non uccidere, a non rubare, a non avere una condotta sessuale illecita, a non mentire, e a non assumere sostanze intossicanti che provocano ebbrezza e negligenza. A loro tale insegnamento è sgradevole. I discepoli del Sublime frequentano zone remote della foresta dove non c’è nessun suono, nessun tumulto, dove non vi sono contatti umani, adatte per l’isolamento di un uomo e la contemplazione della quiete. Ci sono Yakkha eminenti che bazzicano queste foreste e non hanno fede nella parola del Sublime. Possa il Sublime imparare la protezione di Atanata così che gli Yakkha scontenti possono essere lieti, così che i monaci e monache, laici e laiche, possono essere a loro agio, protetti ed incolumi.”

3. – 7. Il Sublime diede il suo beneplacito in silenzio. Quindi il grande Re Vessavana recitò a memoria la protezione di Atanatiya:

“Omaggio a Vipassi (il Buddha) che possiede l’occhio (della saggezza) e lo splendore. Omaggio a Sikhi (il Buddha) compassionevole verso tutti gli esseri.

Omaggio a Vessabhu (il Buddha) libero da tutti gli influssi impuri e che possiede l’energia dell’asceta. Omaggio a Kakusanda (il Buddha), il conquistatore di Mara.

Omaggio a Konagamana (il Buddha) libero da tutti gli influssi impuri, ed ha vissuto la vita santa. Omaggio a Kassapa (il Buddha) pienamente liberato da tutti gli influssi impuri.

Omaggio ad Angirasa (il Buddha Gotama), il figlio dei Sakya, pieno di splendore e che ha proclamato il Dhamma che disperde ogni sofferenza.

Coloro nel mondo che hanno estinto (le fiamme della brama), ed hanno percepito attraverso l’acume (la meditazione), come sono realmente le cose, non calunniano mai nessuno; sono uomini possenti che sono liberi da paura.

Gotama (il Buddha) caro a dei ed uomini, dotato di conoscenza e virtù, possente e senza paura, tutti fanno omaggio a lui.

Quando il sole splendente —discendente di Aditi —nella sua pienezza, sorge, la notte cessa, ed è chiamato giorno. La direzione dalla quale sorge il sole (è l’Est). Là esiste l’oceano profondo e vasto.

Questo—una vastità d’acqua—è conosciuto come l’oceano. Dove c’è l’Est (all’Est del Monte Meru) vi è quel trimestre dell’Est.

Custode di questo trimestre è un grande re chiamato Dhatarattha con un seguito di servitori, signore supremo dei Gandhabba.

Accompagnato dai Ghandhabba gode dei loro canti e balli. Molti sono i suoi (Datharatta) figli, tutti con un unico nome, così ho sentito.

Ottanta e dieci ed uno sono , Inda il loro nome, e possenti sono. Vedendo il Buddha—Parente del sole, possente e senza paura—lo salutano da lontano così: “Omaggio a te, unico fra l’umanità; gloria a te, il più nobile fra gli uomini”.

Come dalla tua onniscienza, hai considerato (l’umanità con un occhio sapiente), anche gli esseri sovrumani dimostrano riverenza a te. Questo abbiamo sentito. Noi, quindi, invochiamo gli Yakkha per rendere ossequio a Gotama, il Conquistatore (il Buddha). Anche loro dicono: ‘Noi riveriamo Gotama, il Conquistatore, noi riveriamo Gotama, dotato di conoscenza e virtù.’ ”

La direzione da cui peta (cadaveri), calunniatori, assassini, briganti feroci, e il falso sono rimossi, è la direzione (a destra del Monte Meru), ed è chiamato il trimestre del Sud. Il custode di questo trimestre è un grande re chiamato Virulha con un seguito di servitori, signore supremo dei Kumbhanda. Accompagnato dai Kumbhandas gode i loro canti e balli.

Molti sono i suoi (Virulha) figli, tutti di un nome, così ho sentito. Ottanta e dieci ed uno sono, Inda i loro nomi, e possenti sono.
Ottanta e dieci ed uno sono , Inda il loro nome, e possenti sono. Vedendo il Buddha—Parente del sole, possente e senza paura—lo salutano da lontano così: “Omaggio a te, unico fra l’umanità; gloria a te, il più nobile fra gli uomini”.

Come dalla tua onniscienza, hai considerato (l’umanità con un occhio sapiente), anche gli esseri sovrumani dimostrano riverenza a te.
Questo abbiamo sentito. Noi, quindi, invochiamo gli Yakkha per rendere ossequio a Gotama, il Conquistatore (il Buddha). Anche loro dicono: ‘Noi riveriamo Gotama, il Conquistatore, noi riveriamo Gotama, dotato di conoscenza e virtù.’ ”

Quando il sole splendente—discendente di Aditi—nella sua pienezza, fisso, poi il giorno cessa, ed è chiamato notte. La direzione dove il sole tramonta (è l’Ovest). Là esiste l’oceano profondo e vasto.

Questo—una vastità d’acqua— è conosciuto come l’oceano. Dove c’è l’ovest ( ad Ovest del Monte Meru) vi è il trimestre dell’ovest.

Custode di questo trimestre è un grande re chiamato Virupakkha con un seguito di servitori, signore supremo dei Naga.

Accompagnato dai Naga gode i loro canti e balli. Molti sono i suoi (Virupakkha) figli, tutti di un nome, così ho sentito.

Ottanta e dieci ed uno sono , Inda il loro nome, e possenti sono. Vedendo il Buddha—Parente del sole, possente e senza paura—lo salutano da lontano così: ‘Omaggio a te, unico fra l’umanità; gloria a te, il più nobile fra gli uomini.’

Come dalla tua onniscienza, hai considerato (l’umanità con un occhio sapiente), anche gli esseri sovrumani dimostrano riverenza a te.
Questo abbiamo sentito. Noi, quindi, invochiamo gli Yakkha per rendere ossequio a Gotama, il Conquistatore (il Buddha). Anche loro dicono: ‘Noi riveriamo Gotama, il Conquistatore, noi riveriamo Gotama, dotato di conoscenza e virtù.’ ”

Dove vi è Uttarakuru (il continente Settentrionale), dove domina il bel Monte Meru, là sono nati uomini, altruisti e liberi.

Non seminano il seme né usano l’aratro. Spontaneamente il mais cresce per loro.

Il riso, senza polvere e buccia, pulito e profumato, è bollito in vasi dorati; così partecipano (al pasto).

Montano le vacche e cavalcano da luogo a luogo.

Si servono di donne ed uomini, ragazze e ragazzi come veicoli, per viaggiare da luogo a luogo.

Montando su ( elefanti e cavalli) essi (gli Yakkha del Re Vessavana) viaggiano in ogni direzione.

Questo re con un seguito di servitori, possiede elefanti e cavalli sui quali cavalca. Possiede anche carri celestiali, palazzi e poderi. Ha città ben costruite nelle regioni celestiali.

I loro nomi sono Atanata, Kusinata, Parakusinata, Natapuriya, Parakusitanata. Al nord, la città di Kapilavata, a sud Janogha e città chiamate Navanavati, Ambara-ambaravati ed il regno di Alakamanda. Beato ( il Buddha), questo Kuvera (un altro nome per Vessavana) ha un regno chiamato Visna, perciò il grande re Kuvera è stato chiamato Vessavana. Ci sono Yakkha (di questo re) che conoscono tutto. Essi sono Tatola, Tattala, Tatotala Ojasi, Tejasi Tatojasi, Suro Raja (Sura-raja) Arittho, Nemi (Arittha-nemi). Là (nel regno di Visana) vi è il lago Dharani. E c’è anche la sala chiamata Bhagalavati dove gli Yakkha si riuniscono.

Là ci sono alberi con frutta perenne. (Su questi alberi) ci sono molte specie di uccelli. Là si sente il verso dei pavoni e degli aironi, e il canto melodioso dei kokila (cuculo indiano).

Là (vicino al lago) il canto degli uccelli:’ Vivi! Vivi! ‘ (jivamjivaka) è sentito. L’uccello Otthavacittaka (‘O, alzate i vostri cuori! ‘), la giungla pupula, i granchi e gli uccelli di Pokkharasataka girano i boschi.

Là il canto del parot, e altre specie di uccelli dimorano.

Quella direzione (al nord del Monte Meru) è chiamata il trimestre del nord. Il custode di questo trimestre è un grande re chiamato Kuvera con un seguito di servitori, signore supremo degli Yakkha. Accompagnato dagli Yakkha gode i loro canti e balli.

Molti sono i suoi (Kuvera) figli, tutti di un nome, così ho sentito. Ottanta e dieci ed uno sono, Inda i loro nomi, e possenti sono.

Vedendo il Buddha—Parente del sole, possente e senza paura—lo salutano da lontano così: “Omaggio a te, unico fra l’umanità; gloria a te, il più nobile fra gli uomini.
Come dalla tua onniscienza, hai considerato (l’umanità con un occhio sapiente), anche gli esseri sovrumani dimostrano riverenza a te.”

Questo abbiamo sentito. Noi, quindi, invochiamo gli Yakkha per rendere ossequio a Gotama, il Conquistatore (il Buddha). Anche loro dicono: ‘Noi riveriamo Gotama, il Conquistatore, noi riveriamo Gotama, dotato di conoscenza e virtù.’ ”

8. Beato, questa è la protezione di Atanata da cui monaci e monache, laici e laiche, possono vivere tranquilli, sicuri, protetti ed incolumi.
Se un monaco o una monaca, laico o laica imparano dal cuore questa protezione di Atanata, e la perfetta parola è ripetuta, e se qualche essere sovrumano, come uno Yakkha, o un Gandhabba o un Kumbhanda o un Naga cammina con lui o con lei, o siede o riposa con lui o con lei con intenzione malevola, questo essere sovrumano, Beato, non otterrà ospitalità in nessuna città o provincia, non otterrà un luogo per dimorare, né potrebbe vivere nel Regno di Alakamanda. Egli non potrà partecipare alle riunioni degli Yakkha. Inoltre non sarebbe accettato o dato in matrimonio, sarebbe rimproverato (gettando commenti sui suoi denti deformi o gli occhi o altra parte del corpo), e altri esseri sovrumani metterebbero in una ciotola vuota la sua testa e la dividerebbero in sette pezzi.

9. Beato, ci sono creature sovrumane che sono feroci, violente; quelle creature sovrumane non tengono conto del potere dei (quattro) grandi re, né dei loro ministri né dei loro sudditi. Si ribellano al potere dei (quattro) grandi re. Come nel regno del Magadha, i ladri non tengono conto del potere del re del Magadha, né dei ministri, né dei loro sudditi, e si ribellano al potere del re del Magadha, così ci sono creature sovrumane che sono feroci… (come prima). Si ribellano al potere dei (quattro) grandi re.
Beato, se una creatura umana fosse assalita o minacciata da uno Yakkha, invocando i suoi capi, al grido: ‘Questo Yakkha sta afferrandomi, prende possesso di me, sta molestandomi, mi assale, mi danneggia e non mi permette di andare! ‘

10. Chi sono gli Yakkha, capi Yakkha possenti e assoluti (da invocare)?
Inda, Soma, e Varuna
Bharadvaja, Pajapati
Candana, Kamasettha anche,
Kinnughandu, Nigahandu
Panada, Opamanna anche,
Devasata e Matali,
Cittasena e Gandhabba,
Nala, Raja, Janesabha
Satagira, Hemavata
Punnaka, Karatiya, Gula
Sivaka, Mucalinda anche,
Vessamitta, Yugandhara
Gopala, Suppagedha anche,
Hiri, Netti, e Mandiya
Pañcalacanda, Alavaka
Pajjunna, Sumana, Sumukha, Dadamukkha
Con questi Serisakka.

Questi sono gli Yakkha, capi Yakkha possenti, i comandanti, a cui (il molestato) dovrebbe rivolgersi e al grido: ‘Questo Yakkha sta afferrandomi, prende possesso di me, sta molestandomi, mi assale, mi sta danneggiando e non mi permette di andare! ‘

11. Questa, Beato, è la protezione di Atanata da cui monaci e monache, laici e laiche possono vivere tranquilli, sicuri, protetti ed incolumi.
Beato, noi ora prendiamo il nostro permesso da voi; abbiamo molti doveri da svolgere (così dissero i quattro Grandi Re). ”
“Grandi Re, è ora di andare” (rispose il Buddha).
I quattro grandi re si alzarono dai loro posti, e salutando il Sublime con rispetto, svanirono. ……

12. – 13. All’alba il Sublime si rivolse ai monaci: (Il Buddha riferì ai monaci parola per parola ciò che era stato detto dal grande Re Vessavana) “Imparate dal cuore, monaci, la protezione di Atanata, tenetela presente. Questa protezione di Atanata, monaci riguarda il vostro benessere e la vostra virtù, monaci e monache, laici e laiche possono vivere tranquilli, sicuri, protetti ed incolumi.”
Questo disse il Sublime. I monaci si allietarono con le parole del Sublime.

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Piyadassi Thera. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.