Ud 5.1: Raja Sutta - Il Re

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: Ud 47
Copyright © 1994 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 1994
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

Così ho sentito. In una certa occasione il Beato soggiornava presso Savatthi, nel boschetto di Jeta, al monastero di Anathapindika. In quella circostanza il re Pasenadi del Kosala era al piano superiorre del palazzo con la regina Mallika. Quindi le disse: "C’è qualcuno che ti sia più caro di te stessa?"

"No, vostra maestà." - ella rispose. " Non c’è nessuno che mi sia più caro di me stessa. E voi maestà? C’è qualcuno che vi sia più caro di voi stesso?"

"No, Mallika. Non c’è nessuno che mi sia più caro di me stesso."

Allora il re, dopo essere disceso dal palazzo, andò dal Beato e, dopo averlo salutato, si sedette ad un lato. Appena seduto, disse al Beato: "Poco fa ero al piano superiore del palazzo con la regina Mallika. E le ho chiesto:‘C’è qualcuno che ti sia più caro di te stessa?’

"'No, vostra maestà,' - ella rispose. ‘Non c’è nessuno che mi sia più caro di me stessa. E voi maestà? C’è qualcuno che vi sia più caro di voi stesso?’

"No, Mallika. Non c’è nessuno che mi sia più caro di me stesso."

Allora il Beato, in quella occasione, declamò questi solenni versi ispirati:

"Cercando in ogni direzione
con la propria consapevolezza,
non si trova nessuno più caro
di noi stessi.
Allo stesso modo, gli altri
sono fieramente cari a loro stessi.
Perciò non dovrebbe nuocere agli altri
chi ama se stesso."