Theri 12.1: Punnika e il Bramano {vv. 236-251}

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: vv. 236-251
Copyright © 1995 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 1995
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

[Punnika:]
Sono una portatrice d’acqua, fredda,
e nel trasportare l’acqua sempre
ho paura delle percosse della padrona,
tormentata dalle sue parole e dalla sua collera.
Ma tu, Bramano,
di cosa hai paura
mentre trasporti l’acqua
tremante ed infreddolito?
[Il Bramano:]
Pannika, sai certamente,
che stai chiedendo a colui che possiede un buon kamma
ed ha trasceso il male.
Chiunque, giovane o vecchio, con un cattivo kamma,
attraverso le abluzioni con acqua,
viene liberato dal cattivo kamma.
[Punnika:]
Chi insegna questo
ignorante agli ignoranti –
‘Ci si libera, attraverso le abluzioni con acqua,
del cattivo kamma?’
Allora, rinasceranno nei mondi celesti:
rane, tartarughe,
serpenti, coccodrilli
e tutte le creature che vivono nell’acqua.
Macellai,
pescatori, cacciatori,
ladri, assassini,
potrebbero, con le abluzioni con acqua,
liberarsi dal cattivo kamma.

Se questi fiumi portassero via
il cattivo kamma compiuto nel passato,
porterebbero via anche i meriti,
e quindi saremmo
completamente abbandonati a noi stessi.
Qualunque sia la tua paura,
nel trasportare l’acqua,
non abbandonarti.
Non lasciare che il freddo ti colpisca.
[Il Bramano:]
Stavo seguendo un triste sentiero, brava donna,
e tu mi hai riportato su quello nobile.
Ti dono questa veste per le abluzioni con acqua.
[Punnika:]
Tenetela. Non mi serve.
Se avete paura del dolore,
se non vi piace il dolore,
allora non compiere nessun cattivo kamma,
sia segreto sia rivelato.
Ma se compiete o compirete
cattivo kamma,
non sarete libero dal dolore,
quando lascerete questa vita.
Se avete paura del dolore,
se non vi piace il dolore,
prendete rifugio nel Risvegliato,
prendete rifugio nel Dramma e nel Sangha.
Rispettate i precetti:
che vi condurranno alla liberazione.
[Il Bramano:]
Prendo rifugio nel Risvegliato,
prendo rifugio nel Dramma e nel Sangha.
Rispetterò i precetti:
che mi condurranno alla liberazione.

Prima, ero un discendente di Brama,
adesso, sono realmente un bramano.
Possiedo la triplice conoscenza,
perfetto nella conoscenza,
libero e puro.