Skip to content

Tag: dhamma

SN 12.18 – Timbaruka – Timbaruka

A Savatthi. L’asceta errante Timbaruka si avvicinò al Beato e lo salutò con rispetto. Dopo i saluti e un cordiale colloquio, egli sedette a lato e chiese: “Maestro Gotama, il piacere e il dolore sono generati da noi stessi?” “No, Kassapa.” “Allora sono generati dagli altri?” “No, Kassapa.” “Allora sono generati sia dagli altri sia […]

SN 12.16: Dhammakathiko Sutta – Il Maestro del Dhamma

[Un monaco disse:] “Maestro del Dhamma, Maestro del Dhamma.” – così dicono, Signore.” “Monaco, chi insegna una dottrina del disincanto a vecchiaia e morte, del distacco e al sentiero che conduce alla loro cessazione, può essere chiamato un monaco che espone il Dhamma. Chi si esercita al disincanto a vecchiaia e morte, al distacco e […]

SN 12.12: Phagguna Sutta – A Phagguna

“Monaci, esistono questi quattro nutrimenti che sorreggono gli esseri viventi nati o in procinto di nascere in qualche mondo. Quali quattro? Il cibo fisico, grossolano o sottile; il contatto come secondo; l’intenzione mentale come terzo; e la coscienza come quarto.” Dette queste parole, il Venerabile Moliya-Phagguna così si rivolse al Sublime: “Chi, o Signore, si […]

SN 11.15: Ramaneyyaka Sutta – Un luogo di piacere

A Savatthi al Boschetto di Jeta. Allora Sakka, re dei deva, si avvicinò al Beato e, dopo averlo salutato con rispetto, stette ad un lato e disse: “Venerabile signore, cos’è un luogo di piacere?” [Il Beato:] “Santuari in parchi e foreste, stagni di loto ben fatti; non sono nemmeno la sedicesima parte del piacere di […]