SN 5.1: Alavika Sutta - Sorella Alavika

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: S i 128 / CDB i 221
Copyright © 1998 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 1998
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

A Savatthi. Di mattina presto, Alavika la monaca prese mantello e scodella, e andò a Savatthi per la questua. Al ritorno dal suo giro di questua, dopo il suo pasto, andò al Boschetto del Nascondiglio a passare il giorno. E si sedette ai piedi di un albero.

Quindi Mara il Maligno, volendo risvegliare paura, orrore e terrore in lei, si avvicinò e le indirizzò questi versi:

Non c'è
fuga
nel mondo,
quindi cosa sta provando
con la solitudine?
Godi le delizie sensuali.
Non essere qualcuno
che più tardi si rammarica.

Poi Alavika la monaca pensò: "Chi ha recitato a memoria questo verso - un essere umano o sovrumano? Questo è Mara il Maligno che ha recitato a memoria questi versi e vuole risvegliare paura, orrore e terrore in me, volendo farmi abbandonare la meditazione."

Avendo capito che "Questo è Mara il Maligno", gli rispose in versi:

C'è
una fuga dal mondo,
toccata da me
con la conoscenza -
qualcosa che tu,
il Maligno,
parente del disattento,
non conosci.
I piaceri sensuali
sono come spade e lance;
aggregati,
per il loro carnefice.
Ciò che chiami delizia sensuale
non è delizia per me.

Poi Mara il Maligno - triste e abbattuto - constatando: "Alavika la monaca mi conosce" - scomparve.