SN 3.21: Puggalo Sutta - I tipi di persone

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhuni Uppalavanna.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

1. A Savatthi.

2. Re Pasenadi del Kosala si recò dal Beato e, dopo averlo salutato con rispetto, si sedette ad un lato. Quindi il Beato gli disse: “Grande re, vi sono quattro tipi di persone al mondo.

3. Quali quattro? La persona che passa dall’oscurità all’oscurità, la persona che passa dall’oscurità alla luce, la persona che passa dalla luce all’oscurità e la persona che passa dalla luce alla luce.

4. Grande re, chi è la persona che passa dall’oscurità all’oscurità? In questo caso, grande re, una persona è nata in una famiglia di rango inferiore, o in una famiglia senza casta, o in una famiglia di lavoratori di bambù, o in una famiglia di cacciatori, o di conducenti di carri o di spazzini. E’ nato povero e ha poco da mangiare e da bere. Inoltre, è storpio e brutto. E’ nato cieco o zoppo o paralitico. Non può procurarsi né da mangiare né da bere, né ha vestiti, mezzi di trasporto, fiori, profumi, balsami, letti, sedie, dimore e lampade. Usa male il corpo, la parola e la mente e dopo la morte rinascerà negli inferi. Grande re, è come un uomo nell’oscurità, che attraversa l’oscurità, come un uomo che passa da una macchia di sangue a un’altra macchia di sangue. Grande re, questo è il mio paragone dell’uomo che passa dall’oscurità all’oscurità.

5. Grande re, chi è la persona che passa dall’oscurità alla luce? In questo caso, grande re, una persona è nata in una famiglia di rango inferiore, o in una famiglia senza casta, o in una famiglia di lavoratori di bambù, o in una famiglia di cacciatori, o di conducenti di carri o di spazzini. E’ nato povero e ha poco da mangiare e da bere. Inoltre, è storpio e brutto. E’ nato cieco o zoppo o paralitico. Non può procurarsi né da mangiare né da bere, né ha vestiti, mezzi di trasporto, fiori, profumi, balsami, letti, sedie, dimore e lampade. Usa bene il corpo, la parola e la mente e dopo la morte rinascerà nei mondi celesti. Grande re, è come un uomo che da terra salisse su un cuscino, dal cuscino in groppa ad un cavallo, dal cavallo in groppa ad un elefante e dall’elefante su un palazzo. Grande re, questo è il mio paragone dell’uomo che passa dall’oscurità alla luce.

6. Grande re, chi è la persona che passa dalla luce all’oscurità? In questo caso, grande re, una persona è nata in una famiglia di alto rango, in una famiglia di Bramani, in una famiglia di guerrieri o di un capofamiglia con grandi ricchezze e proprietà, con molto oro, argento e grano. E’ di piacevole aspetto e molto seducente. Può procurarsi da mangiare e da bere, ha vestiti, mezzi di trasporto, fiori, profumi, balsami, letti, sedie, dimore e lampade. Usa male il corpo, la parola e la mente e dopo la morte rinascerà negli inferi. Grande re, è come un uomo che da un palazzo discende in groppa ad un elefante. Poi dall’elefante discende in groppa ad un cavallo e dal cavallo discende su un cuscino. Dal cuscino scende a terra e dalla terra discende nell’oscurità. Grande re, questo è il mio paragone dell’uomo che passa dalla luce all’oscurità.

7. Grande re, chi è la persona che passa dalla luce alla luce? In questo caso, grande re, una persona è nata in una famiglia di alto rango, in una famiglia di Bramani, in una famiglia di guerrieri o di un capofamiglia con grandi ricchezze e proprietà, con molto oro, argento e grano. E’ di piacevole aspetto e molto seducente. Può procurarsi da mangiare e da bere, ha vestiti, mezzi di trasporto, fiori, profumi, balsami, letti, sedie, dimore e lampade. Usa bene il corpo, la parola e la mente e dopo la morte rinascerà nei mondi celesti. E’ come un uomo che passa da un cuscino ad un altro, da un cavallo ad un altro, da un elefante ad un altro, da una dimora all’altra. Grande re, questo è il mio paragone dell’uomo che passa dalla luce alla luce.

8. Grande re, questi sono i tipi di persona al mondo.

9. Un uomo avaro senza mezzi e senza fede e con falsi credi,
con pensieri nocivi, avido e senza compassione,
pieno di ira senza alcun motivo, biasima e corrompe asceti,
bramani, o benefattori vietandoli di donare.
Tale uomo che afferra le sue ricompense
che passa dall’oscurità all’oscurità rinascerà negli inferi.

10. Grande re, un uomo povero, benevolo, colmo di fede,
puro e generoso, con pensieri positivi,
che rispetta, onora e venera il quieto vivere
degli asceti, dei bramani e dei benefattori
e non li ostacola dal donare.
Tale uomo, che riceve i suoi meriti
che passa dall’oscurità alla luce rinascerà nei mondi celesti.

11. Grande re, un uomo ricco e avido senza fede e con falsi credi,
con pensieri nocivi, avido e senza compassione,
pieno di ira senza alcun motivo, biasima e corrompe asceti,
bramani, o benefattori vietandoli di donare.
Tale uomo che afferra le sue ricompense
che passa dalla luce all’oscurità rinascerà negli inferi.

12. Grande re, un uomo ricco e benevolo, colmo di fede
che rispetta, onora e venera il quieto vivere
degli asceti, dei bramani e dei benefattori
e non li ostacola dal donare.
Tale uomo, che riceve i suoi meriti
che passa dalla luce alla luce rinascerà nei mondi celesti.”