SN 3.13: Donapaka Sutta – Un pesante pasto

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Maurice O'Connell Walshe.
PTS: S i 81 / CDB i 176
Copyright © 1985 Buddhist Publication Society.
Access to Insight edition © 2007
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

Il Re Pasenadi del Kosala aveva mangiato a cena una quantità enorme (Donapaka= misura di capacità) di riso. Allora il Re, sazio e pieno, si recò dal Benedetto, lo salutò e si sedette accanto. Quindi il Benedetto, vedendolo ben sazio e pieno, pronunciò questi versi:

Colui che dimora sempre nella presenza mentale,
moderandosi col cibo,
non fa crescere sgradevoli sensazioni fisiche.
Invecchia lentamente, allungando la vita.

In quel momento Sudassana era dietro al re. Il re gli disse:
"Mio caro Sudassana, impara questi versi del Benedetto e recitameli quando mi porti la cena, ed io ti ripagherò ogni giorno con cento kahapana (moneta dell'epoca)."
"Molto bene, Maestà." disse Sudassana [e così fece.]
Quindi il Re si impose la regola di non esagerare con il cibo. Così quando il suo corpo ritornò in forma, accarezzando le sue membra esclamò: "Il Benedetto ha avuto compassione del mia salute, sia in questa vita sia in quella futura!"