SN 21.9: Tissa Sutta - Tissa

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Bhikkhu Sujato.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

A Savatthi. Il venerabile Tissa, cugino del Beato per parte di padre, si recò dal Beato e, dopo averlo salutato con rispetto, si sedette a lato - triste, sofferente e colmo di lacrime. Allora il Beato gli chiese:

“Tissa, perché siedi da parte, triste, sofferente e colmo di lacrime?”
“Perché, venerabile signore, i monaci mi hanno offeso con brutte parole.”
“Tissa tu rimproveri gli altri ma non sopporti di essere rimproverato. Tissa, ciò non è da te, figlio di nobile famiglia che hai abbandonato la vita familiare per intraprendere il sentiero dell’ascetismo, rimproverare gli altri e non accettare di essere rimproverato. Questo, invece, è giusto per te, Tissa, un figlio di nobile famiglia che ha abbandonato la vita familiare per intraprendere il sentiero dell’ascetismo, rimproverare gli altri e accettare di essere rimproverato.”

Così disse il Buddha. Dette queste parole il Sublime, il Maestro aggiunse:

“Perché ti arrabbi? Non ti arrabbiare!
Per, Tissa, è meglio la calma
La santa vita viene vissuta, o Tissa,
per rimuovere la rabbia, l’orgoglio e il disprezzo.”