SN 17.8: Sigala Sutta - Lo sciacallo

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: S ii 230/ CDB i 685
Copyright © 1998 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 1998
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

A Savatthi. "Monaci, i guadagni, le offerte, e la fama sono cose crudeli, un duro ed amaro ostacolo alla realizzazione della liberazione. Avete sentito urlare lo sciacallo, alle ultime ore della notte?"

"Sì, signore."

"Questo sciacallo soffre di scabbia. Non trova nessun piacere ad andare presso una scogliera, ai piedi di un albero o all'aria aperta. Dovunque va, dovunque dimora, dovunque si siede, dovunque si distende, è immerso nella miseria. Allo stesso modo quando un monaco è conquistato dai guadagni, dalle offerte e dalla fama, la sua mente si consuma. Non trova nessun piacere nel recarsi in un eremo, ai piedi di un albero o all'aria aperta. Dovunque va, dovunque dimora, dovunque si siede, dovunque si distende, è immerso nella miseria. Perciò i guadagni, le offerte, sono un duro ed amaro ostacolo alla realizzazione della liberazione. Occorre dunque che vi esercitiate così: 'Metteremo da parte ogni guadagno, offerta e fama che nasceranno; e non lasceremo nessun guadagno, offerta e fama consumare le nostre menti.' Così dovete esercitarvi."