SN 17.7: Diddha Sutta – Una freccia avvelenata

Traduzione in Inglese dalla versione PÔli di Bhikkhu Sujato.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti Ŕ consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.


A Savatthi. “Possesso, fama e onore sono perversi, penosi e oppressivi. Sono un ostacolo al raggiungimento della suprema meta. Chi potrebbe essere colpito da una freccia avvelenata? Il novizio che dimora nel possesso, nella fama e nell’onore con una mente colma di desiderio.

‘Una freccia avvelenata’ indica il possesso, l’onore e la fama. Quindi possesso, fama e onore sono perversi, penosi e oppressivi. Sono un ostacolo al raggiungimento della suprema meta. Perciò così dovete esercitarvi: “Noi dobbiamo abbandonare il sorgere del possesso, dell’onore e della fama e le nostre menti non devono essere condizionate. Così dovete esercitarvi.”