SN 15.2: Pathavī Sutta – La Terra

Traduzione in Inglese dalla versione PÔli di Bhikkhu Sujato.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti Ŕ consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

 A Savatthi. “Monaci, da un inconoscibile inizio deriva la trasmigrazione. Il punto di inizio non Ŕ evidente, sebbene degli esseri impediti dall’ignoranza ed incatenati dalla brama trasmigrano e continuano ad errare. Immaginate una persona dividere l’intera terra in sfere di argilla grandi come dei semi di giuggiole. Dopo averle sistemate, dicesse: “Questo Ŕ mio padre, questo Ŕ mio nonno.” L’intera terra sarebbe terminata prima dei padri e dei nonni di quella persona. PerchÚ? Da un inconoscibile inizio deriva la trasmigrazione. Il punto di inizio non Ŕ evidente, sebbene degli esseri impediti dall’ignoranza ed incatenati per la brama trasmigrano e continuano ad errare. Voi avete per molto tempo sperimentato il dolore, la sofferenza, riempito cimiteri – abbastanza per disingannarvi da ogni realtÓ composta, abbastanza per eliminare ogni attaccamento e desiderio, abbastanza per liberarvi da ogni condizione.”