Skip to content

La Terza Nobile Verità

La Nobile Verità della cessazione della sofferenza – dukkha nirodho ariya sacca

Definizione

“Questa, monaci, è la nobile verità della cessazione del dolore. È la completa cessazione della sete, l’abbandono, la rinuncia, la liberazione, il distacco.”

— Samyutta Nikaya 56.11

Il distacco è sublime

“Rispetto a qualsiasi qualità, condizionata o non condizionata, — all’ebrezza, alla distruzione della brama, alla rimozione dell’attaccamento, alla cessazione del ciclo delle rinascite, alla distruzione del desiderio, alla cessazione, alla realizzazione del Nibbana — la distruzione del desiderio bramoso è considerato sublime. Coloro che credono nella distruzione del desiderio bramoso hanno fiducia in ciò che è sublime; e per coloro che hanno fiducia in ciò che è sublime, il risultato sarà sublime.

— Itivuttaka 90

La pace, segno distintivo della suprema meta

“Questa è la pace, questa è la fine: ossia lo svanire di ogni concezione, il distacco da ogni attaccamento, l’esaurirsi della sete, il venir meno del desiderio, la dissoluzione, l’estinzione”.

— Majjhima Nikaya 64

Le cause della sofferenza

“Monaci, poter mettere una fine agli influssi impuri è per colui che conosce e vede, vi dico, non per colui che non conosce e non vede. ‘Tale è la forma, tale la sua origine, tale la sua cessazione. Tale è la sensazione, tale la sua origine, tale la sua cessazione. Tale è la percezione, tale la sua origine, tale la sua cessazione. Tali sono le predisposizioni karmiche, tale la loro origine, tale la loro cessazione. Tale è la coscienza, tale la sua origine, tale la sua cessazione.’ La fine degli influssi impuri è per colui che conosce in questo modo e vede in questo modo. 

La conoscenza della fine di questi influssi impuri ha una causa, vi dico. Non è senza causa. E qual è la causa? La liberazione, bisogna dire. La liberazione ha una causa, vi dico. Non è senza causa. E qual è la sua causa? L’assenza di brama…. Il disincanto…. La conoscenza e la visione delle cose come sono realmente …. La concentrazione…. Il piacere…. La serenità…. L’estasi…. La gioia…. La fede…. Il dolore…. La nascita…. Il divenire…. L’attaccamento…. Il desiderio insaziabile…. La sensazione…. Il contatto…. I sei organi dei sensi…. Il nome e la forma…. La coscienza…. Le predisposizioni karmiche…. Le predisposizioni karmiche hanno la loro causa, vi dico. Non sono senza causa. E qual è la loro causa? L’ignoranza, bisogna dire.

Quindi le predisposizioni karmiche hanno l’ignoranza come causa, 
la coscienza ha le predisposizioni karmiche come causa, 
il nome e la forma hanno la consapevolezza come causa, 
gli organi dei sensi hanno il nome e la forma come causa, 
il contatto ha gli organi dei sensi come causa, 
la sensazione ha il contatto come causa, 
la brama ha la sensazione come causa, 
l’attaccamento ha la brama come causa, 
il divenire ha l’attaccamento come causa, 
la nascita ha il divenire come causa, 
il dolore e la sofferenza hanno la nascita come causa, 
la fede ha il dolore e la sofferenza come causa, 
la gioia ha la fede come causa, 
l’estasi ha la gioia come causa, 
la serenità ha l’estasi come causa, 
il piacere ha la serenità come causa, 
la concentrazione ha il piacere come causa, 
la conoscenza e la visione delle cose come sono realmente hanno la concentrazione come causa, 
il disincanto ha la conoscenza e la visione delle cose come sono realmente come causa, 
il distacco ha il disincanto come causa, 
la liberazione ha il distacco come causa, 
la conoscenza della fine degli influssi impuri ha la liberazione come causa.

E’ come quando gli dei versano la pioggia in pesanti gocce e fracassano il tuono sulle montagne più alte: l’acqua, scendendo lungo le pendenze, riempie le valli della montagna fino alle fessure ed ai burroni. Quando le valli della montagna così come le fessure ed i burroni sono pieni, riempiono i piccoli stagni. Quando i piccoli stagni sono pieni, riempiono i grandi laghi. Quando i grandi laghi sono pieni, riempiono i piccoli fiumi. Quando i piccoli fiumi sono pieni, riempiono i grandi fiumi. Quando i grandi fiumi sono pieni, riempiono il grande oceano.

Allo stesso modo: 
“Le predisposizioni karmiche hanno l’ignoranza come causa, 
la coscienza ha le predisposizioni karmiche come causa, 
il nome e la forma hanno la consapevolezza come causa, 
gli organi dei sensi hanno il nome e la forma come causa, 
il contatto ha gli organi dei sensi come causa, 
la sensazione ha il contatto come causa, 
la brama ha la sensazione come causa, 
l’attaccamento ha la brama come causa, 
il divenire ha l’attaccamento come causa, 
la nascita ha il divenire come causa, 
il dolore e la sofferenza hanno la nascita come causa, 
la fede ha il dolore e la sofferenza come causa, 
la gioia ha la fede come causa, 
l’estasi ha la gioia come causa, 
la serenità ha l’estasi come causa, 
il piacere ha la serenità come causa, 
la concentrazione ha il piacere come causa, 
la conoscenza e la visione delle cose come sono realmente hanno la concentrazione come causa, 
il disincanto ha la conoscenza e la visione delle cose come sono realmente come causa, 
il distacco ha il disincanto come causa, 
la liberazione ha il distacco come causa, 
la conoscenza della fine degli influssi impuri ha la liberazione come causa.” 

— Samyutta Nikaya 12.25