AN 6.97: Anisansa Sutta - Ricompense

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: A iii 440
Copyright © 2004 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 2004
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

"Monaci, ci sono queste sei ricompense nel rendersi conto dei frutti di 'entrare nella corrente'. Quali sei? Si è sicuri del vero Dhamma. Non si è soggetti a nuove nascite. Non c'è sofferenza su ciò che ha avuto un limite su di lui. [Pariyanta-katassa na dukkham hoti: In altre parole, uno non ha rammarico nel fatto che sperimenterà delle rinascite solamente in un numero limitato, e un limite è stato messo sull'ammontare della sofferenza di uno che ancora è soggetto a qualche nascita (vedi SN 13.1-2, 8). Questa asserzione contrattacca la nozione, qualche volta espressa dai concili buddhisti, che una persona può "essere conficcata" nella sua liberazione o nella sua volontà, o che è probabile che una persona risvegliata si penta, ponendo fine al samsara.] E' dotato di conoscenza non comune. [secondo il Commentario, conoscenza non comune è conoscenza nella quale persone non risvegliate non hanno azione.]

Vede esattamente una causa, insieme ai fenomeni casualmente originati. Queste sono le sei ricompense nel rendersi conto dei frutti di 'entrare nella corrente'."