AN 5.77: Anagata-bhayani Sutta - Il sermone sui possibili pericoli

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: A iii 100
Copyright © 1993 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 1993
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

“Monaci, ci sono questi cinque possibili pericoli che se considerati da un monaco che vive nella foresta – attento, ardente e risoluto – potrebbero ostacolare la possibilità di ottenere ciò che non è stato ancora ottenuto, il raggiungimento di ciò che non è stato ancora raggiunto, la realizzazione di ciò non è stato ancora realizzato. Quali cinque?
Quando un monaco che vive nella foresta rammenta a se stesso: ‘Vivendo solitario nella foresta un serpente potrebbe mordermi, uno scorpione potrebbe pungermi, o un qualsiasi altro animale potrebbe colpirmi. Potrei anche morire. Ciò è per me un ostacolo. Perciò devo aumentare lo sforzo per ottenere ciò che non è stato ancora ottenuto, per raggiungere ciò che non è stato ancora raggiunto, per realizzare ciò non è stato ancora realizzato.’
Questo rappresenta il primo possibile pericolo che se considerato da un monaco che vive nella foresta – attento, ardente e risoluto – potrebbe ostacolare la possibilità di ottenere ciò che non è stato ancora ottenuto, il raggiungimento di ciò che non è stato ancora raggiunto, la realizzazione di ciò non è stato ancora realizzato.

Inoltre, un monaco che vive nella foresta rammenta a se stesso: ‘Vivendo solitario nella foresta potrei inciampare e cadere; il cibo potrebbe recarmi danno; la bile si potrebbe irritare, e potrei stare male a causa di malattie intestinali. Potrei anche morire. Ciò è per me un ostacolo. Perciò devo aumentare lo sforzo per ottenere ciò che non è stato ancora ottenuto, per raggiungere ciò che non è stato ancora raggiunto, per realizzare ciò non è stato ancora realizzato.’
Questo rappresenta il secondo possibile pericolo che se considerato da un monaco ….

Inoltre, un monaco che vive nella foresta rammenta a se stesso: ‘Vivendo solitario nella foresta potrei incontrare un animale feroce: un leone, una tigre, un leopardo, un orso o una iena ed essere attaccato. Potrei anche morire. Ciò è per me un ostacolo. Perciò devo aumentare lo sforzo per ottenere …...’
Questo rappresenta il terzo possibile pericolo che se considerato da un monaco ….

Inoltre, un monaco che vive nella foresta rammenta a se stesso: ‘Vivendo solitario nella foresta potrei incontrare dei banditi o dei criminali ed essere ucciso. Ciò è per me un ostacolo. Perciò devo aumentare lo sforzo per ottenere …...’
Questo rappresenta il quarto possibile pericolo che se considerato da un monaco ….

Inoltre, un monaco che vive nella foresta rammenta a se stesso: ‘Vivendo solitario nella foresta potrei incontrare qualche spirito malefico o una creatura sovrumana ed essere ucciso. Ciò è per me un ostacolo. Perciò devo aumentare lo sforzo per ottenere …...’
Questo rappresenta il quinto possibile pericolo che se considerato da un monaco ….
Questi sono, monaci, i cinque possibili pericoli che se considerati da un monaco che vive nella foresta – attento, ardente e risoluto – potrebbero ostacolare la possibilità di ottenere ciò che non è stato ancora ottenuto, il raggiungimento di ciò che non è stato ancora raggiunto, la realizzazione di ciò non è stato ancora realizzato.”