AN 4.3:  Paṭhamakhata Sutta – Danno (1)

“Quando una persona stupida, cattiva e ignorante possiede quattro qualità è dannosa e incompleta. Merita di essere criticata e biasimata dalle persone sensibili e accumula molto kamma negativo. Quali quattro? Senza esaminare e analizzare loda coloro che devono essere criticati e critica coloro che devono essere lodati. Fa sorgere la fede in dottrine colme di dubbio, e non fa sorgere la fede in dottrine che la fanno sorgere. Quando una persona stupida, cattiva e ignorante possiede queste quattro qualità è dannosa e incompleta. Merita di essere criticata e biasimata dalle persone sensibili e accumula molto kamma negativo.

Quando una persona saggia, buona e istruita possiede quattro qualità è sana e integra. Non merita di essere criticata e biasimata dalle persone sensibili e accumula molto merito. Quali quattro? Dopo aver esaminato e analizzato critica coloro che devono essere criticati e loda coloro che devono essere lodati. Non fa sorgere la fede in dottrine colme di dubbio, e fa sorgere la fede in dottrine che la fanno sorgere. Quando una persona saggia, buona e istruita possiede queste quattro qualità è sana e integra. Non merita di essere criticata e biasimata dalle persone sensibili e accumula molto merito.

Quando lodi qualcuno degno di critica
o critichi qualcuno degno di lode,
scegli la cattiva sorte con le proprie parole:
e non troverai mai la felicità in quel modo.

La cattiva sorte ai dadi è cosa ovvia
se tutto ciò che perdi sono i tuoi soldi
e tutto ciò che possiedi, persino te stesso.
Ciò che è davvero una maledizione
è odiare i santi.
Per migliaia e migliaia di anni,
un calunniatore di nobili rinasce negli inferi,
avendo indirizzato parole e pensieri offensivi contro di loro.”

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Bhikkhu Sujato (Suttacentral, 2018). Tradotto in italiano da Enzo Alfano.