AN 4.1: Anubuddha Sutta - La comprensione

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Thanissaro Bhikkhu.
PTS: A ii 1
Copyright © 1997 Thanissaro Bhikkhu.
Access to Insight edition © 1997
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

Così ho sentito. Una volta il Beato soggiornava tra i Vajjia al villaggio di Bhanda. Là, si rivolse ai monaci, dicendo: "Monaci!"

"Sì, signore." - risposero i monaci.

Il Beato disse: "È in virtù della nostra incapacità a comprendere ed a penetrare quattro cose che abbiamo errato e trasmigrato per molto tempo, voi ed io. Quali quattro?

È in virtù della nostra incapacità a comprendere ed a penetrare la nobile virtù che abbiamo errato e trasmigrato per molto tempo, voi ed io.

È in virtù della nostra incapacità a comprendere ed a penetrare la nobile concentrazione che abbiamo errato e trasmigrato per molto tempo, voi ed io.

È in virtù della nostra incapacità a comprendere, ed a penetrare, la nobile conoscenza che abbiamo errato e trasmigrato per molto tempo, voi ed io.

È in virtù della nostra incapacità a comprendere ed a penetrare la nobile liberazione che abbiamo errato e trasmigrato per molto tempo, voi ed io.

Ma quando si comprende e si penetra la nobile virtù, quando si comprende e si penetra la nobile concentrazione... quando si comprende e si penetra la nobile conoscenza... quando si comprende e si penetra la nobile liberazione, allora la sete insaziabile del divenire è distrutta, brama ed attaccamento, si concludono, e non ci sono più altre esistenze."

Così disse il Beato. Poi aggiunse:

L'incomparabile virtù, la concentrazione,
la conoscenza e la liberazione:
sono stati compresi da Gotama, il Glorioso.

Avendoli conosciuti direttamente,
insegnò il Dhamma ai monaci--
il risvegliato
il maestro che ha messo fine alla sofferenza ed al dolore,

Colui la cui la visione
è sciolta totalmente.