AN 2.280–309: Vinaya Peyyāla Vagga - Sulla pratica

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Bhikkhu Sujato.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

 280. “Per due ragioni il Tathagata ha stabilito delle regole per i suoi discepoli. Quali due? Per il benessere e la felicità del Sangha … Per tenere sotto controllo le persone difficili e per il benessere dei monaci compassionevoli … Per abbandonare gli influssi impuri che affliggono la vita presente e per proteggersi dagli influssi impuri che affliggono la vita futura … Per abbandonare le colpe che affliggono la vita presente e per proteggersi dalle colpe che affliggono la vita futura … Per abbandonare i pericoli che affliggono la vita presente e per proteggersi dai pericoli che affliggono la vita futura …Per abbandonare le qualità nocive che affliggono la vita presente e per proteggersi dalle qualità nocive che affliggono la vita futura … Per compassione per le persone laiche e per distruggere i gruppi di monaci con malvagi desideri … Per infondere la fede in coloro che non ce l’hanno e per accrescere la fede in coloro che ce l’hanno … Per promulgare il vero Dhamma e supportare la pratica. Queste sono le due ragioni per cui il Tathagata ha stabilito delle regole per i suoi discepoli.”

281– 309. “Per due ragioni il Tathagata ha stabilito il codice monastico per i suoi discepoli … la recitazione del codice monastico … l’interruzione della recitazione del codice monastico … l’invito   ad ammonire … il sospendere l’invito ad ammonire … l’atto disciplinare di censura … porsi sotto affidamento … bando … riconciliazione … esclusione … esame … noviziato … penitenza … reintegrazione … riammissione … eliminazione … ordinazione … una mozione … una mozione e un annuncio … una mozione  e tre annunci … stabilire ciò che non è stato precedentemente stabilito … modificare ciò che è stato stabilito … il sistemare una questione disciplinare in presenza degli interessati … il sistemare una questione disciplinare con un preciso ricordo … il sistemare una questione disciplinare grazie alla guarigione dalla pazzia … il sistemare una questione disciplinare grazie al riconoscimento della colpa … il sistemare una questione disciplinare con la  decisione di una maggioranza … il sistemare una questione disciplinare con un verdetto di grave cattiva condotta … il sistemare una questione disciplinare coprendosi d’erba. Quali due? Per il benessere e la felicità del Sangha … Per tenere sotto controllo le persone difficili e per il benessere dei monaci compassionevoli … Per abbandonare gli influssi impuri che affliggono la vita presente e per proteggersi contro gli influssi impuri che affliggono la vita futura … Per abbandonare le colpe che affliggono la vita presente e per proteggersi contro le colpe che affliggono la vita futura … Per abbandonare i pericoli che affliggono la vita presente e per proteggersi contro i pericoli che affliggono la vita futura …Per abbandonare le qualità nocive che affliggono la vita presente e per proteggersi contro le qualità nocive che affliggono la vita futura … Per compassione per le persone laiche e per distruggere i gruppi di monaci con malvagi desideri … Per infondere la fede in coloro che non ce l’hanno e per accrescere la fede in coloro che ce l’hanno … Per continuare il vero Dhamma e supportare la pratica. Queste sono le due ragioni per cui il Tathagata ha stabilito delle regole per i suoi discepoli.”