AN 2.21–31:Bāla Vagga – Stolti

Traduzione in Inglese dalla versione Pali di Bhikkhu Sujato.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti č consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

21. “Monaci, questi due sono degli stolti. Quali due? Chi non vede la sua trasgressione come una trasgressione, e chi non perdona giustamente un altro che ha confessato la sua trasgressione. Questi due sono degli stolti.

Questi due sono dei saggi. Quali due? Chi vede la sua trasgressione come una trasgressione, e chi perdona giustamente un altro che ha confessato la sua trasgressione. Questi due sono dei saggi.”

22. “Monaci, questi due tipi di persone calunniano il Tathagāta. Quali due? Chi č colmo d’odio e lo nasconde e chi professa una falsa fede. Questi due calunniano il Tathagāta.”

23. “Monaci, questi due tipi di persone calunniano il Tathagāta. Quali sono? Chi spiega ciņ che non č stato detto o rivelato dal Tathagāta come detto o rivelato dal Tathagāta. E chi spiega ciņ che č stato detto o rivelato dal Tathagāta come non detto o rivelato dal Tathagāta. Questi due calunniano il Tathagāta.”

24. “Monaci, questi due tipi di persone calunniano il Tathagāta. Quali due? Chi spiega un discorso che deve essere commentato come un discorso il cui significato č esplicito. E chi spiega un discorso il cui significato č esplicito come un discorso che deve essere commentato. Questi due calunniano il Tathagāta.”

25. “Monaci, questi due tipi di persone calunniano il Tathagāta. Quali due? Chi spiega un discorso di cui bisogna dedurne il significato come un discorso il cui significato č stato gią spiegato chiaramente. E chi spiega un discorso il cui significato č stato gią spiegato chiaramente come un discorso di cui bisogna dedurne il significato. Questi due tipi di persone calunniano il Tathagāta.”

26. “Monaci, quando si nascondono le proprie colpe, si rinasce in uno di questi mondi: negli inferi o nel regno animale.
Quando non si nascondono le proprie colpe, si rinasce in uno di questi mondi: nel mondo dei deva o degli esseri umani.”

27. “Monaci, quando si hanno le false visioni, si rinasce in uno di questi mondi: negli inferi o nel mondo animale.”

28. “Monaci, quando si ha la retta visione, si rinasce in uno di questi mondi: nel mondo dei deva o degli esseri umani.”

29. “Ci sono due mondi pronti a ricevere una persona immorale: l’inferno e il mondo animale.
Ci sono due mondi pronti a ricevere una persona retta: il mondo dei deva e quello degli esseri umani.”

30.-31. “Queste due qualitą contribuiscono alla chiara conoscenza. Quali sono? La meditazione di calma (samatha) e la meditazione di visione profonda (vipassana).
Quando la meditazione di calma č sviluppata, la mente č ampliata. E quando la mente č ampliata, i desideri bramosi sono abbandonati.
Quando la meditazione di visione profonda č sviluppata, la conoscenza č ampliata. E quando la conoscenza č ampliata, l’ignoranza č abbandonata.
Sporcata dai desideri bramosi, la mente non č libera. Sporcata dall’ignoranza, la conoscenza non si sviluppa. Con lo svanire dei desideri bramosi nasce la piena presenza mentale e con lo svanire dell’ignoranza nasce la perfetta conoscenza.”