Vibhanga
Divisioni

Vibhanga 18: Dhammahadayavibhanga – Analisi dell’Essenza del Dhamma (Vb 18.6.2)

18.6.2. Limite d’Età

Qual è il limite d’età degli esseri umani? Più o meno 100 anni.

Qual è il limite d’età dei deva Cātumahārājika? 50 anni di un essere umano corrispondono a un giorno e a una notte dei deva Cātumahārājika; trenta di queste notti è un mese; dodici mesi è un anno; 500 anni divini è il limite d’età dei deva Cātumahārājika; calcolandoli in anni umani sono 9.000.000 anni.

Qual è il limite d’età dei deva Tavatiṃsa? 100 anni di un essere umano corrispondono a un giorno e a una notte dei deva Tavatiṃsa; trenta di queste notti è un mese; dodici mesi è un anno; 1000 anni divini è il limite d’età dei deva Tavatiṃsa; calcolandoli in anni umani sono 36.000.000 anni.

Qual è il limite d’età dei deva Yāma? 200 anni di un essere umano corrispondono a un giorno e a una notte dei deva Yāma; trenta di queste notti è un mese; dodici mesi è un anno; 2000 anni divini è il limite d’età dei deva Yāma; calcolandoli in anni umani sono 144.000.000 anni.

Qual è il limite d’età dei deva Tusita? 400 anni di un essere umano corrispondono a un giorno e a una notte dei deva Tusita; trenta di queste notti è un mese; dodici mesi è un anno; 4000 anni divini è il limite d’età dei deva Tusita; calcolandoli in anni umani sono 576.000.000 anni.

Qual è il limite d’età dei deva Nimmānarati? 800 anni di un essere umano corrispondono a un giorno e a una notte dei deva Nimmānarati; trenta di queste notti è un mese; dodici mesi è un anno; 8000 anni divini è il limite d’età dei deva Nimmānarati; calcolandoli in anni umani sono 2.304.000.000 anni.

Qual è il limite d’età dei deva Paranimmitavasavatti? 1600 anni di un essere umano corrispondono a un giorno e a una notte dei deva Paranimmitavasavatti; trenta di queste notti è un mese; dodici mesi è un anno; 16000 anni divini è il limite d’età dei deva Paranimmitavasavatti; calcolandoli in anni umani sono 9.216.000.000 anni.

Questi sei piani del desiderio sono prosperi in tutti i piaceri dei sensi. Complessivamente qual è l’età di queste divinità? Di queste divinità 1.200 koti  (Il  crore (koti in sanscrito) è un'unità del sistema di numerazione indiano pari a dieci milioni) + 28 koti + 500.000 indicano il numero complessivo di anni.
 
Avendo sviluppato il primo jhana di grado inferiore dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il primo jhana di grado inferiore nascono come deva Brahmāparisajja. Qual è il limite d’età? Una terza parte di un eone.

Avendo sviluppato il primo jhana di grado intermedio dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il primo jhana di grado intermedio nascono come deva Brahmāpurohita. Qual è il limite d’età? La metà di un eone.
 
Avendo sviluppato il primo jhana di grado superiore dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il primo jhana di grado superiore nascono come deva Mahābrahmā. Qual è il limite d’età? Un eone.
 
Avendo sviluppato il secondo jhana di grado inferiore dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il secondo jhana di grado inferiore nascono come deva Parittābhā. Qual è il limite d’età? Due eoni.
 
Avendo sviluppato il secondo jhana di grado intermedio dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il secondo jhana di grado intermedio nascono come deva Appamaṇābhā. Qual è il limite d’età? Quattro eoni.

Avendo sviluppato il secondo jhana di grado superiore dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il secondo jhana di grado superiore nascono come deva Ābhassara. Qual è il limite d’età? Otto eoni.

Avendo sviluppato il terzo jhana di grado inferiore dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il terzo jhana di grado inferiore nascono come deva Parittasubhā. Qual è il limite d’età? Sedici eoni.

Avendo sviluppato il terzo jhana di grado intermedio dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il terzo jhana di grado intermedio nascono come deva Appamaṇasubhā. Qual è il limite d’età? 32 eoni.

Avendo sviluppato il terzo jhana di grado superiore dove nascono gli esseri? Avendo sviluppato il terzo jhana di grado superiore nascono come deva Subhakiṇhā. Qual è il limite d’età? 64 eoni.

Avendo sviluppato il quarto jhana, per la varietà degli oggetti, dell’attenzione, della volontà, del fine, della decisione, dell’aspirazione, della saggezza alcuni nascono come deva Asaññasatta, altri come deva Vehapphala, altri come deva Aviha, altri come deva Ātappa, altri come deva Sudassa, altri come deva Sudassī, altri come deva Akanittha. Alcuni nascono come deva che raggiungono lo stato dello spazio infinito, altri come deva che raggiungono lo stato della coscienza infinita, altri come deva che raggiungono lo stato della vacuità, altri come deva che raggiungono lo stato di né-percezione-né-non-percezione.

Qual è il limite d’età dei deva Asaññasatta e dei deva Vehapphala? 500 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva Aviha? 1000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva Ātappa? 2000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva Sudassa? 4000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva Sudassi? 8000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva Akanittha? 16.000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva che raggiungono lo stato dello spazio infinito? 20.000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva che raggiungono lo stato della coscienza infinita? 40.000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva che raggiungono lo stato della vacuità? 60.000 eoni.
Qual è il limite d’età dei deva che raggiungono lo stato di né-percezione-né-non-percezione? 84.000 eoni.

(Gli esseri) grazie al potere del merito
rinascono nei piani del desiderio e della forma,
anche se raggiungono le somme esistenze
possono sempre rinascere in esistenze inferiori.

Anche gli esseri che hanno una lunga vita muoiono,
nessuna esistenza è permanente,
come ha detto il Tathagata.
Perciò il saggio è prudente
e pensa in maniera positiva
e per essere libero da vecchiaia e morte
sviluppa il sommo sentiero.
Avendo sviluppato il puro sentiero
entra e dimora nel Nibbana,
avendo compreso tutti gli influssi impuri
se ne libera e raggiunge la liberazione finale.

Traduzione in inglese dalla versione Pali di U Thittila, The Book of Analysis, Published by Pali Text Society, 1969. Tradotto in italiano da Enzo Alfano.