Vibhanga
Divisioni

Vibhanga 16: ānavibhanga - Analisi della Conoscenza (Vb 16.10.2)

Traduzione in inglese dalla versione Pali di U Thittila, The Book of Analysis, Published by Pali Text Society, 1969
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

16.10.2. La Duplice Esposizione

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza mondana; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza ultramondana. Tutta la saggezza conoscibile in un modo; non conoscibile in un altro modo.
Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto degli influssi impuri; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto degli influssi impuri.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata agli influssi impuri, oggetto degli influssi impuri; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata agli influssi impuri, non oggetto degli influssi impuri.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto delle catene; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto delle catene. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata alle catene, oggetto delle catene; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata alle catene, non oggetto delle catene.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto dei legami; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto dei legami. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata ai legami, oggetto dei legami; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata ai legami, non oggetto dei legami.
Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto dei flussi; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto dei flussi. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata ai flussi, oggetto dei flussi; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata ai flussi, non oggetto dei flussi.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto dei vincoli; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto dei vincoli. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata ai vincoli, oggetto dei vincoli; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata ai vincoli, non oggetto dei vincoli.
Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto degli ostacoli; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto degli degli ostacoli. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata agli ostacoli, oggetto degli degli ostacoli; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata agli ostacoli, non oggetto degli ostacoli.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto delle perversioni; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto delle perversioni. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata alle perversioni, oggetto delle perversioni; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata alle perversioni, non oggetto delle perversioni.

Nei tre piani la saggezza negli effetti saggezza con attaccamento alla brama e alle false visioni; nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi, nei tre piani la saggezza nei dhamma neutri e non operativi, la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza senza attaccamento.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto dell’attaccamento; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto dell’attaccamento. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata all’attaccamento, oggetto dell’attaccamento; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata all’attaccamento, non oggetto dell’attaccamento.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che oggetto delle corruzioni; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non oggetto delle corruzioni. Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che non associata alle corruzioni, oggetto delle corruzioni; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non associata alle corruzioni, non oggetto delle corruzioni.

La saggezza associata all’applicazione iniziale saggezza che accompagnata da applicazione iniziale; la saggezza non associata all’applicazione iniziale saggezza che senza applicazione iniziale.

La saggezza associata all’applicazione sostenuta saggezza che accompagnata da applicazione sostenuta; la saggezza non associata all’applicazione sostenuta saggezza che senza applicazione sostenuta.

La saggezza associata all’estasi saggezza con estasi; la saggezza non associata all’estasi saggezza senza estasi. La saggezza associata all’estasi  saggezza accompagnata da estasi; la saggezza non associata all’estasi saggezza non accompagnata da estasi.

La saggezza associata al piacere  saggezza accompagnata da piacere; la saggezza non associata al piacere saggezza non accompagnata da piacere. La saggezza associata all’indifferenza  saggezza accompagnata da indifferenza; la saggezza non associata all’indifferenza saggezza non accompagnata da indifferenza.

La saggezza nei dhamma positivi e neutri tipici del piano del desiderio saggezza che tipica del piano del desiderio; la saggezza tipica del piano della forma, la saggezza tipica del piano immateriale, la saggezza ultramondana saggezza che non tipica del piano del desiderio.

La saggezza nei dhamma positivi e neutri tipici del piano della forma saggezza che tipica del piano della forma; la saggezza tipica del piano del desiderio, la saggezza tipica del piano immateriale, la saggezza ultramondana saggezza che non tipica del piano della forma.

La saggezza nei dhamma positivi e neutri tipici del piano immateriale saggezza che tipica del piano immateriale; la saggezza tipica del piano deldesiderio, la saggezza tipica del piano della forma, la saggezza ultramondana saggezza che non tipica del piano immateriale.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza mondana, la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza ultramondana.

La saggezza nei quattro sentieri saggezza che tende alla liberazione; nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi, nei quattro piani la saggezza nei dhamma effetto, nei tre piani la saggezza nei dhamma non operativi neutri saggezza che non tende alla liberazione.

La saggezza nei quattro sentieri saggezza che tempo fisso effettivo; nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi, nei quattro piani la saggezza nei dhamma effetto, nei tre piani la saggezza nei dhamma non operativi neutri saggezza che non tempo fisso effettivo.

Nei tre piani la saggezza nei dhamma positivi e neutri saggezza che superabile; la saggezza nei quattro sentieri e nei quattro frutti saggezza che non superabile.
In questo caso cos’ la saggezza che la causa dell’effetto? Nei quattro piani la saggezza nei dhamma positivi, la saggezza nei dhamma non operativi neutri dell’Ararat che fa sorgere la suprema conoscenza, che fa sorgere il raggiungimento, saggezza che la causa dell’effetto.

Nei quattro piani la saggezza nei dhamma effetto, la saggezza nei dhamma non operativi neutri dell’arahat che possiede la suprema conoscenza appena sorta, il raggiungimento appena sorto, saggezza che effetto della causa.
In questo modo la base della conoscenza tramite la duplice divisione.
   
 Qui termina la Duplice Esposizione.