Dhammasangani
Classificazione delle realtà

Dhammasangani 2.2.2: Matika – La Matrice

Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Caroline A.F. Rhys Davids, A Buddhist Manual of Psychological Ethics, (Compendium of States or Phenomena), Oriental Translation Fund (New Series), Vol. xii, London, Royal Asiatic Society, 1900.
Tradotto in italiano da Enzo Alfano.
La diffusione dei testi tradotti è consentita in qualsiasi modo tranne che a fini di lucro.

2.2.2 - La Matrice

Cos’è “ogni materia” in questa relazione?

I quattro Grandi Fenomeni e quella materia derivata dai quattro grandi fenomeni – ciò è chiamato “ogni materia”.

Segue la Matrice (Matika), o il sommario della seguente analisi della Materia, considerata in categorie numeriche – usuale metodo Buddhista. Cioè, la Materia è considerata, innanzitutto, sotto un certo numero di qualità singole, non correlate, quindi in qualità dicotomizzate, quindi per qualità che, prese singolarmente, danno inclusione, inclusione contraria, o esclusione da entrambi.; o, prese in coppia, permettono tre combinazioni. Abbiamo quindi una coppia di qualità assunte insieme, offrendo quattro combinazioni. Dopo di che viene considerata la Materia per classificazioni più induttive, ad esempio i quattro elementi e, come quinto, i loro derivati, e così via, come indicato di seguito.